Tutto sullo Sphynx

di Fabiana Valentini 1056 visite

La caratteristica più distintiva di questo gatto è l'assenza di pelo. Lo Sphynx è di taglia e conformazione corporea medie, con un peso sorprendente per la sua taglia. Il corpo è caldo e morbido al tatto, con una consistenza della pelle simile a quella di una pesca morbida o di una nettarina liscia. Lo Sphynx ha un carattere dolce, vivace e disponibile alla manipolazione.

Personalità dello Sphynx

Dire che gli Sphynx sono vivaci è un eufemismo; si esibiscono in imprese aeree come scimmie dalla cima di porte e scaffali. Molto devoti e fedeli, seguono i loro umani scodinzolando, impastando con le loro dita imbottite e facendo le fusa per la gioia di stare vicino ai loro amati umani. Esigono la vostra attenzione incondizionata e sono dispettosi (e amabili) come i bambini. E nonostante tutto questo e il loro aspetto alieno, sono ancora dei veri e propri gatti, con tutto il mistero e il fascino che ha affascinato l'umanità per migliaia di anni. Anche se lo Sphynx può non essere adatto a tutti, il suo aspetto unico e il suo temperamento affascinante gli hanno fatto guadagnare un seguito attivo ed entusiasta.

Ti potrebbe interessare:
Gatto nudo: elenco razze

La storia dello Sphynx

Lo Sphynx non è il primo caso di assenza di pelo nei gatti domestici. Questa mutazione naturale e spontanea è stata osservata in varie località del mondo per più di un secolo, e probabilmente da molto più tempo.

Il Libro del gatto di Frances Simpson, pubblicato nel 1903, menziona una coppia di gatti grigi e bianchi senza pelo, Dick e Nellie, appartenenti a un amante dei gatti di Albuquerque, New Mexico, di nome F. J. Shinick. Chiamati "Mexican Hairless", questi gatti assomigliavano agli attuali Sphynx e si suppone che fossero stati ottenuti dagli indiani della zona di Albuquerque. Secondo la lettera del signor Shinick, "i vecchi padri gesuiti mi dicono che sono gli ultimi della razza azteca conosciuti solo nel Nuovo Messico". Non si sa se fosse vero, ma Dick e Nellie morirono senza generare prole.

Nel 1950, una coppia di gatti siamesi a Parigi, in Francia, produsse una cucciolata che comprendeva tre gattini senza pelo. I risultati si ripeterono negli accoppiamenti successivi della stessa coppia, ma l'accoppiamento dei genitori con altri gatti siamesi non produsse nuovi gattini senza pelo. Altri felini senza pelo sono comparsi in Marocco, Australia, North Carolina e, nel 1966, a Roncisvalle, Toronto, Ontario, Canada, dove una coppia di gatti domestici a pelo corto ha prodotto una cucciolata che comprendeva un gattino senza pelo di nome Prune. Un allevatore ottenne i genitori e iniziò un programma di allevamento; la razza fu chiamata Canadian Hairless. Prune fu fatto accoppiare con la madre, che produsse un gattino senza pelo.

Nel 1970, la CFA concesse lo status provvisorio alla razza. Questa linea ebbe una serie di difficoltà: il pool genetico era limitato e alcuni gattini morirono per problemi di salute non diagnosticati. Nel 1971, la CFA ritirò il riconoscimento a causa dei problemi di salute della razza. L'ultimo esemplare della linea di Prune fu inviato in Olanda al dottor Hugo Hernandez negli anni Settanta. Nel 1978 e nel 1980, due gattini femmina senza pelo che si riteneva fossero imparentati con Prune furono trovati a Toronto. Furono inviate in Olanda per essere allevate con l'ultimo discendente maschio di Prune. Una femmina concepì, ma perse la cucciolata. Nessuno dei discendenti di Prune divenne la razza Sphynx che conosciamo oggi.

Nel 1975, i proprietari di un'azienda agricola del Minnesota, Milt ed Ethelyn Pearson, scoprirono che dalla loro gatta di campagna dal pelo normale, Jezabelle, era nato un gattino senza pelo. Questo gattino, chiamato Epidermis, fu raggiunto l'anno successivo da un altro gattino senza pelo chiamato Dermis. Entrambi furono venduti all'allevatore dell'Oregon Kim Mueske, che li utilizzò per sviluppare la razza Sphynx. Anche Georgiana Gattenby di Brainerd, Minnesota, lavorò con i gattini della linea Pearson, utilizzando il Cornish Rex come outcross.

Quasi contemporaneamente (1978), l'allevatrice di siamesi Shirley Smith di Toronto, Ontario, Canada, trovò per le strade del suo quartiere tre gattini senza pelo, che chiamò Bambi, Punkie e Paloma. I discendenti di Bambi, Punkie e Paloma in Canada, insieme ai discendenti di Epidermis e Dermis in Oregon, divennero le fondamenta dell'attuale Sphynx. La razza ha fatto notevoli passi avanti dalla sua nascita.

Mentre la maggior parte degli allevatori ha accolto lo Sphynx come unico ed esotico, alcuni membri del mondo felino vorrebbero che lo Sphynx si vestisse. Come altre razze che si sono discostate dal progetto di base, lo Sphynx ha attirato alcune attenzioni negative. Inoltre, il gene che regola l'assenza di pelo può essere considerato una malattia genetica, poiché il gatto è più sensibile sia al caldo che al freddo. D'altra parte, gli allevatori sostengono che noi umani siamo più o meno glabri rispetto ai nostri parenti più stretti, e con un po' di crema solare riusciamo a cavarcela benissimo.

L'accettazione dell'associazione ha seguito la creazione della razza abbastanza rapidamente per una razza così insolita. La TICA ha accettato la razza per il campionato nel 1986. Nel 1992, la CCA ha riconosciuto lo Sphynx per il campionato. Nel 1994, l'ACFA ha seguito l'esempio. Nel 1998, la CFA ha riconosciuto le nuove e migliorate linee di Sphynx per la registrazione e nel 2002 ha accettato la razza per il campionato. La razza è ora riconosciuta da tutte le associazioni feline nordamericane, nonché dalla Fédération Internationale Féline (FIFe) e dal Governing Council of the Cat Fancy (GCCF) in Europa.

Caratteristiche fisiche dello Sphynx

Corpo

Il corpo è di media lunghezza, duro e muscoloso, con torace ampio e arrotondato e addome pieno e rotondo. La groppa è ben arrotondata e muscolosa. La linea dorsale si alza appena dietro le scapole per consentire l'allungamento delle zampe posteriori in posizione eretta. L'ossatura è media. Il collo è di media lunghezza, arrotondato, ben muscoloso e leggermente arcuato.

Testa

Cuneiforme modificata, leggermente più lunga che larga, con zigomi prominenti, un'interruzione distintiva dei baffi e cuscinetti di baffi che danno un aspetto squadrato al muso. Il cranio è leggermente arrotondato con un piano piatto davanti alle orecchie. Il naso è dritto, con un leggero o moderato stop palpabile sul ponte del naso. Zigomi pronunciati e arrotondati che definiscono l'occhio e formano una curva al di sopra della rottura dei baffi.

Orecchie

Da grandi a molto grandi. Larghe alla base, aperte ed erette. Se viste dal davanti, la base esterna dell'orecchio deve iniziare a livello dell'occhio, non deve essere né bassa né in cima alla testa. L'interno delle orecchie è naturalmente privo di arredamento.

Occhi

Grandi, a forma di limone, con il centro ben aperto e un punto definito su ciascun lato. Devono essere posizionati con un leggero angolo verso l'alto, allineati con la base esterna dell'orecchio. Gli occhi devono essere ben distanziati tra loro, con una distanza minima di un occhio.

Zampe

Le zampe sono di media grandezza in proporzione al corpo. Sono robuste e ben muscolose, con le zampe posteriori leggermente più lunghe di quelle anteriori. Le zampe sono ovali con dita ben serrate; cinque davanti e quattro dietro. I cuscinetti delle zampe sono spessi e danno l'impressione di camminare su un cuscino.

Coda

Snella, flessibile e lunga, ma proporzionata alla lunghezza del corpo. A forma di frusta, si assottiglia fino a raggiungere una punta sottile.

Mantello

L'aspetto di questo gatto è privo di peli. Peli corti e fini possono essere presenti sulle zampe, sui bordi esterni delle orecchie e sulla coda. Il ponte del naso dovrebbe essere normalmente ricoperto. Il resto del corpo può essere completamente privo di peli o ricoperto da una soffice peluria color pesca la cui lunghezza non interferisce con l'aspetto dell'assenza di peli. Questa struttura del mantello/pelle crea una sensazione di resistenza quando si accarezza il gatto. Di solito non ci sono baffi.

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Commenti

Hai dubbi o domande? Vuoi condividerela tua opinione? Scrivici!

Ho letto la Privacy Policy e accetto l’invio di informazioni commerciali tramite email.

Ti potrebbero interessare

Burmilla: guida alla razza

Il bellissimo burmilla è una delle razze più recenti. È nato da un accoppiamento accidentale tra un Burmese e un...

di Fabiana Valentini -