I cani possono vedere al buio?

di Fabiana Valentini 561 visite

Quando i cani ci guardano imploranti con quegli occhi grandi e pieni di anima, sono piuttosto irresistibili. È facile pensare che ciò che vedono quando guardano il mondo sia lo stesso che vediamo noi. Ma in realtà non è così.

I cani vedono meno colori della maggior parte degli esseri umani (gialli e blu), riconoscono gli oggetti solo a distanze molto più ridotte (forse per questo il vostro cane vi abbaia quando siete nel vialetto) e la loro percezione della profondità è più scarsa della nostra (30-60 gradi rispetto ai 140 gradi degli esseri umani). Tuttavia, quando si tratta di vedere al buio, i cani ci battono decisamente.

Gli occhi degli animali, compresi quelli dei cani, funzionano come i nostri, secondo un articolo del Merck Veterinary Manual. "L'occhio è un organo attivo che regola costantemente la quantità di luce che lascia entrare e mette a fuoco gli oggetti vicini e lontani. Produce immagini continue che vengono trasmesse rapidamente al cervello".

La visione, nei cani come nelle persone, è determinata da una serie di fattori che includono:

  • Prospettiva visiva
  • Campo visivo
  • Percezione della profondità
  • Acuità visiva (i cani hanno in genere una visione di 20/75).
  • Percezione del colore e della forma
  • Capacità di percepire la luce e il movimento

Il punto di partenza per capire cosa vedono i cani al buio è l'evoluzione dei nostri animali dai canidi selvatici. I canidi selvatici erano crepuscolari, che deriva dalla parola latina che significa crepuscolo, cioè erano attivi principalmente al crepuscolo e all'alba. Dovevano essere in grado di individuare i movimenti in condizioni di scarsa illuminazione per poter seguire e catturare la cena o la colazione. Con l'evoluzione, i cani hanno mantenuto questo vantaggio di vedere al buio, pur adattandosi a funzionare in pieno giorno.

La struttura dell'occhio canino

Quando portate fuori il vostro cane di notte, avete mai notato che si accorge degli oggetti più rapidamente di voi? Ovviamente il suo olfatto più forte è utile, ma anche perché i cani riescono a vedere meglio degli esseri umani il movimento e la luce nel buio e in altre situazioni di scarsa illuminazione.

L'aiuto è dato dall'elevato numero di bastoncelli sensibili alla luce presenti nella retina dei loro occhi. I bastoncelli raccolgono la luce fioca, favorendo una migliore visione notturna. Al contrario, la retina umana è dominata dai coni, che rilevano i colori e funzionano alla luce del giorno.

Ma l'arma segreta del cane per vedere al buio è la parte dell'occhio canino chiamata tapetum lucidum. Il tapetum è uno speciale strato di cellule riflettenti dietro la retina che agisce come uno specchio all'interno dell'occhio, riflettendo la luce che vi entra e dando alla retina un'altra opportunità di registrare quella luce. Questo ingrandisce e migliora la sensibilità visiva in condizioni di scarsa illuminazione e aumenta la capacità del cane di rilevare gli oggetti. Gli occhi umani non hanno il tapetum.

La capacità di vedere al buio di un animale è influenzata anche dalla frequenza di fusione dello sfarfallio (FFF), ovvero la velocità con cui fotogrammi intermittenti di luce vengono percepiti come un'immagine fissa e continua. In generale, più una specie si muove velocemente nel suo ambiente, più alta è la sua FFF. "I cani hanno una soglia di fusione dello sfarfallio più alta degli esseri umani, quindi uno schermo televisivo che sembra mostrare un movimento continuo agli esseri umani potrebbe sembrare sfarfallare a un cane, mentre questa capacità acuta di vedere la luce tremolante consente al cane di rilevare movimenti più lievi al buio", afferma il dottor Jerry Klein, veterinario capo dell'AKC.

La maggior parte dei cani, a seconda della razza, ha gli occhi situati più a lato della testa rispetto a noi, il che offre loro un campo visivo più ampio rispetto agli esseri umani, consentendo loro di scrutare più rapidamente l'ambiente circostante.

Perché gli occhi dei cani brillano al buio?

Avrete sicuramente visto l'inquietante aspetto giallo-verdastro degli occhi di un cane quando la luce li colpisce di notte, dai fari o dalle torce, e nelle foto (a causa del flash della fotocamera). Ciò che vedete proviene dal tapetum.

Il colore del tapetum che riflette la luce avanti e indietro può variare da verde, blu, arancione o giallo. Secondo l'American College of Veterinary Ophthalmologists, questa colorazione cambia spesso nei primi 3 mesi di vita.

Alcuni cani, più comunemente quelli con gli occhi azzurri, non hanno il tapetum. Pertanto, quando si scatta una foto di questi cani, invece di ottenere il riflesso verdastro del tapetum, spesso si vedono gli occhi rossi, provenienti dai vasi sanguigni rossi nella parte posteriore degli occhi del cane.

Perché ci interessa sapere cosa vedono i cani?

Le informazioni su cosa e come vedono i cani possono aiutarci a capire come la visione funziona e viene influenzata dall'ambiente per i cani e per gli esseri umani. Inoltre, ci aiutano ad allevare e addestrare i cani da lavoro per compiti specifici che dipendono da diversi tipi di visione, come hanno spiegato gli autori di un articolo pubblicato sul Journal of Vision.

Ad esempio, un Labrador Retriever deve individuare e marcare visivamente i punti in cui gli uccelli cadono nei campi o nell'acqua. I Border Collie devono rilevare i più piccoli movimenti delle loro pecore. E i cani guida hanno bisogno di un'eccellente visione periferica per tenere al sicuro i loro partner.

Se desiderate avere un'idea più visiva della visione notturna di un cane, potete sperimentare lo spettro visivo dei cani sul sito Dog Vision, che dispone di uno strumento di elaborazione delle immagini che consente agli utenti di caricare una foto che può essere modificata per mostrare la differenza tra la visione umana e quella canina.

Ti potrebbero interessare