Come impedire al gatto di masticare i cavi elettrici

di Fabiana Valentini 2281 visite

Se il vostro gatto mastica i cavi elettrici, c'è subito da preoccuparsi. Il comportamento può essere causato da un disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) o da altri fattori ambientali o di salute, come lo stress o un problema dentale. Indipendentemente dalla causa, è pericoloso per i gatti masticare i cavi elettrici, per non parlare del fatto che questa attività può distruggere gli apparecchi elettrici e i cavi. Fortunatamente per voi e per il vostro gatto, potete impedirgli di masticare i cavi elettrici con coperture protettive, offrendo oggetti alternativi da masticare o affrontando le cause sottostanti.

Motivi della masticazione

C'è un certo mistero sul perché i gatti scelgano i cavi elettrici per masticarli. Una teoria è che il cavo assomigli alla coda di un altro animale e che l'istinto felino di base costringa il gatto ad attaccare tutto ciò che assomiglia a una coda, anche se questo ragionamento non spiega perché il gatto continui a masticare il cavo una volta scoperto che non c'è nessun animale attaccato.

Altri motivi per cui il gatto mastica il cordone possono essere:

Disturbo ossessivo-compulsivo

I disturbi ossessivo-compulsivi (OCD) che coinvolgono comportamenti di masticazione e rosicchiamento si sviluppano più spesso nei gatti siamesi e birmani. Questi felini possono sviluppare un forte impulso a masticare, succhiare e talvolta anche mangiare oggetti non commestibili.

Sebbene la masticazione del cordone sia il comportamento principale del gatto, è possibile che si manifestino anche altri sintomi. Non sembra esserci una spiegazione del perché alcuni gatti sviluppino una particolare combinazione di sintomi OCD.

  • L'automutilazione, in particolare della coda, e il rincorrerla ripetutamente sono tra i primi sintomi del disturbo ossessivo compulsivo.
  • È frequente anche l'ipergrooming, caratterizzato da un gatto che si lecca e mastica il pelo così vigorosamente che inizia a cadere a chiazze.
  • Succhiare, leccare o masticare ossessivamente i tessuti, una condizione definita "wool sucking" (succhiare la lana).3 Questo comportamento non è del tutto chiaro e sono state suggerite diverse cause, tra cui l'allontanamento prematuro del gatto dalla madre. Se il gatto ha tendenze siamesi, la masticazione può essere influenzata dalla genetica.
  • L'iperestesia felina può anche affliggere i gatti che soffrono di disturbo ossessivo compulsivo. Un gatto affetto da questo disturbo può presentare sintomi come increspature della pelle e comportamenti di automutilazione.

Lo stress

Lo stress può provocare un'ampia gamma di comportamenti strani. In questi casi, il masticare serve ad alleviare l'ansia e semplicemente a far sentire il gatto meglio dal punto di vista emotivo.

Noia o inattività del micio

Se il vostro gatto è anziano, potrebbe avere una combinazione di problemi che spingono a masticare. Con l'avanzare dell'età, è comune che i gatti sviluppino l'osteoartrite, che può comportare una drastica riduzione del loro livello di attività. Quando un gatto non è in grado di muoversi, fare esercizio, esplorare o interagire con il mondo, la noia e lo stress che ne deriva possono indurlo a cercare altri sfoghi.

Pica

In rari casi, una carenza nutrizionale chiamata pica è associata all'ingestione di materiali strani.8 Si ipotizza che il gatto capisca istintivamente che un nutriente è assente dalla sua dieta e cerchi di sostituirlo, ma può scegliere oggetti inappropriati da ingerire. Alcuni gatti che improvvisamente iniziano a prendere di mira oggetti non commestibili risultano anemici.

Problemi dentali

I gatti che hanno dolori alla bocca causati da problemi dentali possono indulgere in comportamenti di rosicchiamento nel tentativo di alleviare il disagio. Tra il 50 e il 90% dei gatti di età superiore ai quattro anni soffre di una qualche forma di malattia dentale, per cui è importante affrontarla in modo proattivo con regolari cure dentali veterinarie, tra cui controlli e pulizie.

Problemi medici

In età avanzata, possono esserci anche problemi metabolici, come l'ipertiroidismo, che aumentano il livello di attività del gatto e la sua voglia di rosicchiare.7 Un esame del sangue può rivelare un problema curabile che risolve il comportamento di masticazione.

Salute del gatto:
Come nutrire un gatto

Come aiutare il gatto a smettere di masticare

Se il gatto mostra un comportamento inappropriato di masticazione, per prima cosa portatelo dal veterinario per un controllo, in modo da scoprire e risolvere eventuali problemi di salute sottostanti. Nel frattempo, prendete provvedimenti per tenere il gatto al sicuro.

  • Aggiungere fibre digeribili alla dieta del gatto, che inducono alcuni gatti a ridurre l'attività di masticazione o addirittura a smettere del tutto.9 Le verdure fresche per gatti, i fagiolini o la lattuga aggiunti alla ciotola del cibo del gatto possono fare al caso vostro. Anche alcune diete commerciali "hairball formula" possono funzionare, in quanto forniscono anche una maggiore quantità di fibre.
  • Coprite i cavi elettrici facendoli passare attraverso tubi in PVC. Potete anche renderli meno appetitosi dipingendoli con salsa piccante o con una sostanza commerciale a base di mela amara.
  • Offrite al gatto alternative da masticare, come il cartone. Alcuni gatti si divertono anche a rosicchiare i più piccoli mordicchi di carne di cane: immergeteli in acqua calda e passateli prima nel microonde per ammorbidirli un po'.
  • Spalmate i cavi con una sostanza contenente mentolo, come il Vicks VapoRub, per tenere a bada il gatto, dato che l'odore può essere piuttosto fastidioso. Anche il rilevatore di movimento Ssscat, che "fischia" se il gatto si avvicina, può essere un deterrente umano per il gatto.
  • Ridurre l'ansia per eliminare la necessità di masticare. Considerate la possibilità di provare un feromone facciale sintetico per alleviare lo stress e calmare il gatto. Altrimenti, assicuratevi che la lettiera del gatto sia pulita e che abbia abbastanza giocattoli e momenti di gioco con voi per evitare la noia.
Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Commenti

Hai dubbi o domande? Vuoi condividerela tua opinione? Scrivici!

Ho letto la Privacy Policy e accetto l’invio di informazioni commerciali tramite email.

Ti potrebbero interessare

Durata media della vita del gatto

I gatti non hanno nove vite, ma fattori come alimentazione, assistenza sanitaria e ambiente possono avere un impatto...

di Fabiana Valentini -