Perché i gatti si leccano?

di Fabiana Valentini 725 visite

Potremmo imparare molto dalla dedizione dei gatti alla cura di sé. Dai pigri sonnellini al sole ai giochi con l'erba gatta, i gatti sanno come vivere al meglio la loro vita.

Ma perché i gatti si leccano?

I gatti sono toelettatori esigenti e amano tenersi puliti. Diamo un'occhiata più da vicino.

Tabella dei contenuti

Perché i gatti si leccano così tanto?

Circa il 30% della giornata di un gatto è dedicato alla toelettatura. Sebbene questo avvenga tipicamente dopo i pasti o prima di andare a dormire, la normale toelettatura avviene in qualsiasi momento della giornata e la quantità di tempo dedicata alla cura del pelo varia notevolmente.

Questa attenzione dedicata è il motivo per cui i gatti hanno raramente bisogno di bagni. La loro lingua, simile a una carta vetrata e ricoperta di minuscoli barbigli o papille, aiuta a diffondere gli oli naturali nella pelle e sulla pelliccia per mantenerla lucida e rimuovere i detriti che si depositano nel pelo. A seconda della razza, è anche necessario strigliare il gatto per ridurre al minimo la formazione di sporcizia e grovigli. Ma, onestamente, la lingua multiuso di un gatto spesso si occupa anche della maggior parte delle operazioni di pulizia.

Leccare aiuta anche a distribuire la saliva, che secondo alcuni scienziati è essenziale per l'autoregolazione della temperatura corporea. Poiché i gatti sudano solo attraverso le zampe, la saliva che evapora sulla loro pelliccia ha un effetto rinfrescante.

Ti potrebbe interessare:
Cura quotidiana del gatto

Quindi, da un lato, i gatti che si leccano spesso sembrano effettuare una procedura operativa tipica. Ma se non lo fosse? Quando il comportamento si verifica più frequentemente o per una durata più lunga rispetto alla normale cura del pelo, si tratta di un eccesso di toelettatura.

Per capire quando il comportamento del gatto sembra fuori dall'ordinario si deve esaminare il suo linguaggio del corpo.

Conoscere la "normalità" del vostro gatto può aiutarvi a determinare quando le cose sono "anormali". La toelettatura normale non dovrebbe rimuovere i peli e non dovrebbe essere ossessiva. Può capitare di vedere gatti ringhiare quando le persone cercano di interrompere il leccamento frenetico della toelettatura eccessiva. Inoltre, un tic seguito da un rapido leccamento o morso potrebbe essere anormale".

I proprietari di animali domestici dovrebebro fare attenzione al "barbering" o "fur mowing", ovvero quando il gatto morde o strappa i peli in una determinata area. Se il gatto si lecca eccessivamente, può anche causare un cambiamento di colore della sua pelliccia, che di solito assume una tonalità marroncina.

Ecco alcuni dei motivi principali per cui i gatti si leccano e si puliscono eccessivamente.

Allergie

Anche se spesso pensiamo più alle persone allergiche ai gatti, i nostri amici felini sono soggetti ad allergie a loro volta. I gatti sviluppano allergie al polline, alla polvere, al cibo e persino alla forfora umana. "Invece di occhi che lacrimano e starnuti, le allergie spesso si manifestano con un eccesso di pulizia, a volte fino a danneggiare gli strati superficiali della pelle.

Il dolore

Così come le fusa sono a volte un metodo di auto-sostegno per i gatti, anche il leccamento eccessivo può esserlo. Per questo motivo, i gatti potrebbero strigliare una particolare area (o anche aree non correlate) se si sentono a disagio.

I gatti non sono in grado di 'massaggiare' le aree troppo dolorose come fanno gli esseri umani, quindi il leccamento è il loro modo di affrontare il dolore sottostante. Questi particolari batuffoli di pelo sono spesso più stoici nelle loro dimostrazioni di dolore, quindi leccarsi troppo potrebbe essere un sintomo di qualcosa di più serio.

Le condizioni dolorose includono spesso, ma non solo, le seguenti:

  • Artrite
  • Cistite
  • Ferite
  • Infezioni parassitarie
  • Malattie gastrointestinali
  • Sacche anali piene
  • Traumi

Sebbene siano più comuni nei gatti che vivono all'aperto, anche i gatti che vivono in casa sono suscettibili agli effetti di parassiti opportunistici, come pulci e zecche. Inoltre, sebbene gli acari siano solitamente specie-specifici, alcuni di quelli che colpiscono i cani possono infettare anche i gatti, causando la scabbia.

Ectoparassiti come questi, se non adeguatamente prevenuti e trattati, causano un forte prurito che si manifesta con il leccamento o addirittura con lo strappo del pelo. Anche le infezioni della pelle causate da lieviti, tigna o batteri possono causare prurito al gatto.

Dermatite

I gatti in sovrappeso spesso hanno una dermatite umida dovuta alle feci o all'urina che rimangono intrappolate nella pelliccia o nelle pieghe della pelle. Questo può indurre i gatti a leccarsi e a lavarsi eccessivamente le zampe, la pancia e la schiena perché spesso non riescono a raggiungere direttamente l'area problematica.

Iperestesia felina

L'iperestesia felina è una malattia neurologica caratterizzata da una reazione eccessiva a stimoli normali (come spazzolare e accarezzare) che può far diventare i gatti molto sensibili. Il risultato? Eccessivo leccamento o eccessiva pulizia. L'iperestesia potrebbe anche essere una delle ragioni per cui alcuni gatti si leccano da soli dopo essere stati accarezzati.

Tuttavia, un'altra possibilità è molto meno preoccupante: I gatti percepiscono il vostro tocco come interazione sociale e costruzione di una relazione, quindi si leccano (e forse anche voi!) in risposta. Questa reazione è spesso correlata all'allogrooming, ovvero al fatto che gli animali si leccano l'un l'altro per creare un legame.

Ansia

I gatti possono anche leccarsi più del solito se provano ansia a causa dello stress, della mancanza di interazione sociale, del trasferimento in una nuova casa o di problemi di salute, per citarne alcuni. Anche l'ansia da separazione può provocare un eccesso di leccamento.

I proprietari dovrebbero consultare un veterinario per un esame completo della salute. L'ansia è un motivo spesso citato per cui i gatti si leccano o si puliscono in modo ossessivo, ma si tratta di una condizione non comune che viene diagnosticata in modo eccessivo. La maggior parte dei gatti a cui viene diagnosticata una 'alopecia psicogena' spesso ha un'allergia non trattata o un altro problema.

Se c'è motivo di credere che il gatto abbia un'alopecia psicogena, è possibile trattarla, almeno in parte, con l'arricchimento ambientale. L'arricchimento ambientale è molto importante per tutti i gatti. Può aiutare ad alleviare l'ansia e la noia, che sono cause spesso citate per l'alopecia psicogena.

Programmate ogni giorno un momento interattivo a tu per tu con il vostro amico peloso: giocattoli, giochi e addestramento potrebbero fare la differenza.

Come arrivare alla causa principale del leccamento del gatto

Con tutti questi possibili fattori, a volte può essere frustrante ottenere una diagnosi corretta, soprattutto quando si è così preoccupati per l'eccessivo leccamento del gatto. Condizioni di salute come le allergie, ad esempio, comportano test approfonditi e molteplici tentativi di gestione efficace, spesso richiedendo trattamenti più intensi in determinati periodi dell'anno (per le allergie stagionali) o cambiamenti alimentari (per le allergie legate al cibo)..

Alcune delle cause dell'eccesso di cure sono quelle che noi chiamiamo "diagnosi da escludere". Ciò significa che prima bisogna escludere tutto il resto. Se il gatto non migliora, è bene chiedere un secondo parere a un dermatologo o a uno specialista felino. Il trattamento in alcuni casi può essere basato su tentativi ed errori, e i farmaci e gli integratori devono essere somministrati solo sotto la direzione di un veterinario.

Perché i gatti continuano a leccarsi?

I gatti si leccano per dimostrare affetto, per creare un legame con voi e con gli altri gatti e per pulirsi. Un leccamento eccessivo può indicare che il gatto ha un problema medico, un'allergia o stress e ansia. Potrebbe essere necessario portare il gatto dal veterinario per una valutazione e un trattamento se si formano delle macchie calve a causa della toelettatura eccessiva.

Quando i gatti si leccano, si puliscono davvero?

Oltre a saltellare, fare le fusa e infastidire i loro padroni per avere dei bocconcini, i gatti passano gran parte del loro tempo di veglia a leccarsi. Ora gli scienziati hanno fatto luce sul modo in cui i minuscoli coni affilati sulla lingua dei gatti danno al loro mantello e alla loro pelle una pulizia profonda, invece di spargere semplicemente la loro saliva in giro.

I gatti si imbarazzano?

È bene tenere d'occhio le emozioni forti come la paura, la rabbia o la malinconia, perché possono essere segnali preziosi sul benessere del gatto. Per quanto riguarda le emozioni più sottili, come l'imbarazzo, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che i gatti possono provare una certa sfumatura di umiliazione.

Per quanto tempo i gatti si leccano?

Considerando che un gatto medio dorme 15 ore al giorno, significa che molti passano dalle 4 alle 5 ore a leccarsi qualche parte del corpo. Con tutto questo tempo dedicato alla toelettatura, è probabile che si notino strani comportamenti di leccamento, tra cui mordere o masticare.

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Commenti

Hai dubbi o domande? Vuoi condividerela tua opinione? Scrivici!

Ho letto la Privacy Policy e accetto l’invio di informazioni commerciali tramite email.

Ti potrebbero interessare

I gatti hanno paura dei cetrioli?

Scopri cosa si nasconde dietro i video virali dei gatti che saltano in aria alla vista dei cetrioli. Questo articolo...

di Fabiana Valentini -

Perchè i gatti sbadigliano?

Ti sei mai chiesto perché il tuo gatto sbadiglia così spesso? Scopri le ragioni scientifiche e comportamentali dietro...

di Fabiana Valentini -

Miglior collare GPS per gatti

Interessato a tenere sotto controllo le avventure del tuo gatto? Scopri i vantaggi dei collari GPS per felini, dalla...

di Marco Fiamberti -