Parto difficile della gatta: quando aspettare e quando preoccuparsi

di Fabiana Valentini 1880 visite

Quando è giusto aspettare e quando preoccuparsi

In molti ritengono che i problemi di parto siano rari nella gatta, tuttavia con il progredire dell'allevamento selettivo questi problemi stiano diventando più comuni.

L'effetto di ciò è stato dimostrato da un'indagine condotta su oltre 700 gatti da riproduzione, che ha rilevato che i gatti di conformazione estrema, come i siamesi e i persiani, presentano livelli molto più elevati di distocia (parto difficile), rispettivamente il 10% e il 7,1% delle nascite, rispetto al solo 2,3% delle nascite in gatti di conformazione normale. È quindi molto importante che gli allevatori conoscano i dettagli del parto normale, in modo da poter riconoscere un problema quando si presenta.

In gravidanza, i feti sono distanziati lungo ciascun corno dell'utero. Ogni feto è contenuto all'interno delle proprie membrane e ha una propria placenta attraverso la quale trae nutrimento. L'utero può essere considerato come una sacca muscolare a forma di salsiccia, in grado di contrarsi sia intorno al suo diametro che lungo la sua lunghezza. Per agevolare il suo passaggio, ogni feto è contenuto in una sacca abbastanza resistente a doppio strato di membrane fetali, che sono riempite di liquido scivoloso in cui il feto galleggia. Questo fluido funge da protezione e lubrificazione e fornisce una forza di distensione, allungamento e dilatazione quando l'utero si rilassa davanti e si contrae dietro di lui durante il parto.

Contenuti

Gravidanza tardiva e segni premonitori del parto

Nella caso della gatta la gravidanza dura generalmente 63-65 giorni; non è insolito, comunque che alcune gatte portino a termine una cucciolata normale per un periodo più breve o più lungo (da 58 a 70 giorni).

Da notare che Il comportamento della gatta cambia poco fino all'ultima settimana di gravidanza. Durante quest'ultima settimana, la ricerca del giaciglio più adatto diventa il fattore dominante. Da questo momento in poi le gatte dovrebbero essere confinate per consentire l'osservazione del travaglio, e notare eventuali problematiche.

In generale, si osservano due tipi di temperamento nelle gatte al momento del parto:

  • il tipo indipendente, che farà di tutto per trovare uno spazio buio e chiuso, lontano dal contatto umano
  • il tipo dipendente, che farà di tutto per cercare conforto nella presenza del proprietario e potrebbe addirittura scegliere il letto del proprietario come luogo migliore per il gattino
Mamma e gattino abbracciati
Mamma gatta stringe un gattino neonato!

Le fasi del parto

Parto normale

Preparazione al parto

Quando la gatta si prepara a partorire, il suo canale del parto si distende e si allarga, mentre i gattini si girano nella posizione corretta per la nascita. Durante questa fase (che spesso dura dalle 6 alle 12 ore), noterete che il comportamento della vostra gatta cambia. I segni spesso includono:

  • Ansimare
  • Diventare irrequieto e vocale
  • Fare il nido, grattandosi e camminando intorno alla cassetta dei gattini
  • Fare la toeletta in modo eccessivo (soprattutto intorno alla vulva)
  • Mangiare meno
  • Nascondersi
  • Passaggio di una piccola quantità di muco rosso/marrone dalla vulva

Poco prima che la vostra gatta inizi a partorire, è probabile che inizi a sistemarsi (idealmente nella sua cassetta dei gattini, ma non preoccupatevi se è da qualche altra parte).

Il parto

Quando la gatta inizia a partorire, iniziano le forti contrazioni e le tensioni.

  • Il primo gattino nasce normalmente entro 30 minuti dall'inizio delle contrazioni, mentre i gattini successivi dovrebbero nascere ogni 10-60 minuti.
  • I gattini nascono normalmente all'interno di un sottile sacco che la gatta deve strappare per consentire loro di respirare.
  • Per ogni gattino nato, la vostra gatta passerà anche un post parto (placenta). In genere, la placenta viene emessa circa 15 minuti dopo ogni gattino, ma non sempre in ordine perfetto (ad esempio, alcuni gattini possono nascere prima che la placenta venga emessa). Se possibile, contate le placente man mano che passano, in modo da poter informare il veterinario se ne è rimasta una (rischio di infezione).
  • È normale che i gattini escano sia di testa che con la coda
  • Tra un gattino e l'altro, la gatta dovrebbe sentirsi a proprio agio, leccare e nutrire il neonato.
  • Di solito la nascita di tutti i gattini avviene in 4-16 ore, ma può durare di più.

Dopo il parto

Dopo il parto la gatta è molto affamata, stanca e abbia bisogno di riposare. Dovrà rimanere con i suoi gattini per nutrirli e creare un legame con loro.

Assicuratevi che siano in uno spazio tranquillo, privo di rumori e disturbi. C'è il rischio che la gatta rifiuti i gattini se non si sente a suo agio, rilassata e in grado di legare con loro dopo il parto. È normale che la gatta abbia delle perdite vaginali per qualche settimana dopo il parto, ma non devono puzzare. Contattate il veterinario se siete preoccupati.

Cucciolata con gattini occchi chiusi
Ricordiamo che è del tutto normale che i gattini abbiano gli occhi chiusi alla nascita

Travaglio interrotto

Il cosiddetto travaglio interrotto è abbastanza comune nella gatta da essere considerato un evento normale. In questo caso, quando uno o più gattini sono nati, la madre smette di sforzarsi e si riposa tranquillamente, allattando i gattini già nati. Accetta cibo e bevande ed è in tutto e per tutto normale, tranne che per il fatto che è evidente, dalle sue dimensioni e dalla presenza di movimenti fetali, che ci sono ancora gattini in attesa di nascere. Alcune gatte piuttosto dipendenti ritardano o interrompono deliberatamente il travaglio se il proprietario deve uscire. Questa fase di riposo può durare fino a 24 o addirittura 36 ore, dopodiché il travaglio riprende e il resto della cucciolata nasce normalmente e facilmente.

Anomalie del travaglio - distocia

La distocia (parto difficile) può essere classificata come di origine materna o fetale, a seconda che sia causata da problemi della regina o dei cuccioli. La distocia può anche essere classificata a seconda che derivi dall'ostruzione del canale del parto o da un deficit funzionale del muscolo uterino.

La distocia ostruttiva è causata da una sproporzione tra le dimensioni dei gattini e il canale del parto materno. I fattori che determinano una dimensione inadeguata del canale del parto materno possono includere disturbi dello scheletro materno (fratture pelviche guarite), dei tessuti molli pelvici (grave costipazione) o dell'utero stesso (torsione o rottura dell'utero). Le cause fetali di distocia ostruttiva possono derivare da una malpresentazione, da una grave malformazione fetale (ad esempio, idrocefalo, gemelli siamesi), da un sovradimensionamento fetale o dalla morte del feto.

La distocia funzionale è solitamente definita inerzia e può essere primaria o secondaria. L'inerzia primaria è di gran lunga la causa più comune di distocia nei gatti. Si verifica quando l'utero non produce alcuna contrazione, o solo contrazioni deboli e poco frequenti, e si verifica una mancata espulsione di gattini normali attraverso un canale di nascita normale. L'inerzia primaria può essere correlata a stress, vecchiaia, obesità, cattiva salute o alla somministrazione di alcuni farmaci. È stato ipotizzato che cucciolate molto piccole o molto grandi possano comportare rispettivamente una distensione uterina inadeguata o eccessiva, e che ciò possa provocare l'inerzia primaria. Tuttavia, un lavoro recente non ha rilevato alcuna differenza tra le dimensioni della cucciolata di gatti con distocia dovuta a inerzia primaria e quelle di gatti con distocia per altri motivi. L'inerzia primaria dovuta allo stress, detta anche "inerzia isterica", non è rara e si riscontra soprattutto nelle razze orientali, siamesi e birmane. In questa condizione, l'estrema apprensione durante il primo stadio causa l'interruzione di ogni progresso. Il gatto colpito è marcatamente e vocalmente angosciato, piange continuamente e chiede attenzione. Può essere isterico, e in questi casi si può ottenere un sollievo immediato con l'uso di tranquillanti. In caso di emergenza, questi vengono somministrati da un medico veterinario tramite iniezione, ma se il gatto in questione è noto per comportarsi in questo modo, l'allevatore può essere dotato di compresse che possono essere somministrate per bocca all'inizio e saranno ugualmente efficaci.

Anomalie del primo stadio

Le anomalie del primo stadio possono includere tutte le forme di inerzia primaria e occasionali disturbi rari, come la torsione o la rottura dell'utero. Queste ultime due condizioni possono causare gravi emergenze nella fase avanzata della gravidanza o nel primo stadio del travaglio. La torsione implica una torsione dell'utero, che interrompe l'apporto di sangue e rende impossibile il parto del feto o dei feti contenuti. Inoltre, provoca un'emergenza acuta con una gatta molto malata e scioccata. Di solito si presume che la torsione si sia verificata durante un salto o un movimento violento che imprime un movimento oscillante all'utero pesantemente gravido. La rottura è più spesso il risultato di un colpo accidentale da un veicolo o di un altro trauma violento, oppure può verificarsi a causa di una violenta tensione su un'ostruzione completa. Una rottura che si verifica al momento del parto dà luogo agli stessi segni di emergenza acuta di una torsione. È noto che la rottura si verifica all'inizio della gravidanza e che il feto continua a svilupparsi al di fuori dell'utero nella cavità addominale materna. In questi casi, la placenta si attacca a uno degli organi addominali, ma è insolito che questi feti si sviluppino a termine e, naturalmente, è impossibile che nascano senza un'operazione addominale.

Anomalie del secondo stadio

L'inerzia secondaria insorge dopo un travaglio di secondo stadio prolungato e può essere associata a distocia ostruttiva, affaticamento muscolare o dolore eccessivo. La distocia ostruttiva può verificarsi per molte ragioni, ma probabilmente le cause più comuni sono la malformazione pelvica materna a seguito di una frattura pelvica e la malpresentazione/malposizione/malpostura del feto. Il travaglio interrotto, come già descritto, non è sicuramente un'inerzia, poiché la gatta è palesemente normale, il travaglio riprende normalmente e i gattini nascono vivi e normali. Un importante punto di differenza tra i due casi è che l'inerzia secondaria segue una precedente difficoltà o ritardo e la gatta è spesso irrequieta ed esausta.

Le malpresentazioni fetali, le malposizioni e le posture scorrette possono tutte portare alla distocia. La presentazione indica da che parte arriva il feto (ad esempio, prima la testa o la coda), la posizione indica da che parte si trova (ad esempio, ruotato o non ruotato) e la postura indica la posizione della testa e degli arti (ad esempio, estesi o flessi). Alcuni ritengono che la malpresentazione fetale nella gatta raramente causi distocia, tranne quando è combinata con altri problemi, come una scarsa distensione cervicale o un relativo sovradimensionamento fetale. Tuttavia, altri hanno riscontrato che la malpresentazione fetale è la causa più comune di distocia di origine fetale, mentre il sovradimensionamento fetale relativo è molto raro.

Malpresentazione

I gattini presentati posteriormente, o con la coda, sono abbastanza frequenti, tanto da poter essere considerati quasi una presentazione normale, che spesso non causa ritardi nella nascita. Tuttavia, se il primo gattino si presenta con la coda, è possibile che si verifichi un ritardo a causa dell'assenza della testa cuneiforme che spinge dietro le membrane piene di liquido. Di solito il gattino viene superato alla fine. Tuttavia, se il tempo che intercorre tra la separazione della placenta e la liberazione del naso dalle membrane è troppo lungo, il rischio di annegare nei propri fluidi fetali è maggiore.

Malposizione

La malposizione si verifica di solito quando un gattino è morto in utero prima della rotazione. È poco frequente, tranne nei casi di malattia, infezione o ritardo prolungato di un feto in ritardo. La presenza di un feto morto all'interno del canale pelvico materno può, di per sé, provocare una distocia funzionale o ostruttiva.

Malpostura

La malposizione è importante in relazione alla posizione della testa. I gatti brachicefali possono avere difficoltà nel punto in cui la testa fetale si inserisce per la prima volta nell'apertura della pelvi materna. La mancanza di un muso cuneiforme aumenta il rischio che la testa venga deviata su un lato, verso il basso tra le zampe anteriori o sul petto. Occasionalmente, una o entrambe le zampe anteriori possono trovarsi all'indietro lungo il corpo e, nella presentazione posteriore o in coda, una o entrambe le zampe posteriori possono essere trattenute in avanti lungo il corpo per dare la postura podalica. Tutte queste situazioni possono causare un ritardo temporaneo e richiedere ulteriori sforzi da parte del gatto o, nel peggiore dei casi, provocare un'ostruzione completa.

Comportamento inibitorio

Una manifestazione tardiva di comportamento isterico inibitorio può causare un ritardo quando il gattino ha già attraversato la pelvi materna e sporge dalla vulva. Questo può causare dolore, quindi a questo punto il gatto sembra rinunciare a tentare e aspetta, o chiede, aiuto. Se questo non arriva immediatamente, il gattino in questione può morire, soprattutto se arriva prima con la coda.

Ostetricia

Quello sopra riportato è un elenco piuttosto scoraggiante, ma assolutamente non completo, di ciò che può, ma state tranquilli, raramente accade, andare storto. Gli allevatori o i proprietari potrebbero voler sapere cosa si può fare per riconoscere precocemente i problemi e come evitarli o superarli.

Non si sottolineerà mai abbastanza che un gatto normale non ha bisogno di interventi. Una buona ostetrica è essenzialmente un osservatore attento e non invadente finché non si verificano problemi. Le ostetriche dovrebbero aver predisposto, per quanto possibile, il giaciglio ideale per il gattino, che dovrebbe essere caldo, confortevole e sicuro, ma anche osservabile, cioè un giusto mezzo tra il confinamento e la relativa libertà all'interno dell'area confinata. Durante la prima fase del travaglio, possono avere la necessità di fornire un supporto morale o di non farsi notare, a seconda degli eventi. Dovrebbero avere a portata di mano una storia di eventuali nascite precedenti della gatta in questione e, se possibile, informazioni relative alle generazioni precedenti e agli animali imparentati. Dovrebbero aver osservato i cambiamenti durante la gravidanza ed essere consapevoli del grado di distensione addominale, della quantità di liquido e forse avere un'idea approssimativa del numero di gattini da aspettarsi. Dovrebbero aver osservato i cambiamenti comportamentali della regina, come la creazione di nidi o la visita a luoghi desiderati come il letto del proprietario o l'armadio per l'aerazione.

Il trattamentodi alcuni problemi di parto

Oltre al valore delle osservazioni e della conoscenza del comportamento della gatta, i proprietari possono, e in alcuni casi devono, essere responsabili del trattamento di alcuni problemi di parto. Il segreto, se esiste, del riconoscimento dei problemi risiede principalmente nel riconoscimento del ritardo. L'identificazione dei ritardi nel corso del parto richiederà ancora una volta l'osservazione del comportamento. Nel caso di un normale travaglio interrotto, sarà evidente che la gatta non è in difficoltà, ha un appetito normale ed è perfettamente felice con i gattini già nati. Lo sforzo nel corso di un parto normale, anche se può essere vigoroso o meno, è chiaramente produttivo per far avanzare il gattino e non sembra dare origine a dolore. L'ostruzione, invece, si manifesta come un gatto che si sforza senza produrre alcun risultato, può ansimare, piangere o apparire esausto, è irrequieto e agitato e infine desiste nel tentativo di recuperare le forze sufficienti per un ulteriore sforzo, anche se ridotto. Questo è il gatto che ha bisogno di aiuto.

La diagnosi e il trattamento della distocia grave devono essere affidati al veterinario. A causa delle piccole dimensioni della gatta, la correzione manipolativa delle malposizioni dall'interno della vagina è raramente possibile ed è, in ogni caso, un lavoro per mani esperte. Per compensare questa situazione, la manipolazione dall'esterno dell'addome può spesso correggere una postura scorretta come una testa deviata lateralmente; anche in questo caso è necessaria un'abilità professionale. Spesso, in caso di reale impasse, l'operazione cesarea è il metodo preferito e, a condizione che la gatta non sia disperatamente malata o molto esausta, è una procedura sicura e di routine. I metodi di anestesia attuali hanno molte meno probabilità di deprimere la respirazione del gattino rispetto a un tempo, e anche in caso di crisi gravi la capacità del gatto di sopravvivere a un'emergenza addominale acuta è estremamente buona e l'intervento chirurgico è sempre utile.

Il caso in cui l'allevatore deve intervenire è quello della gatta che si arrende con un gattino che pende visibilmente dalla vulva. Se si tratta di un cucciolo che arriva a testa in giù, la prima urgenza è quella di liberare le membrane dal naso e dalla bocca per consentire la respirazione. Il gattino deve poi essere fatto uscire delicatamente, alternando la direzione della trazione, liberando prima un lato e poi l'altro, e dirigendo sempre la trazione leggermente verso il basso. Poiché alla nascita i gattini sono scivolosi e bagnati, per fare presa si possono usare pezzi di stoffa puliti o carta assorbente morbida. Se il gattino mostra solo la coda e le zampe posteriori, il parto è ancora più urgente e il problema di tenere il soggetto scivoloso più difficile, ma vale lo stesso principio. Tenere le zampe posteriori sopra i garretti, allentare delicatamente per alternare i lati e, se non si ottengono progressi con l'aiuto di uno o due sforzi da parte del gatto, provare a ruotare delicatamente di qualche grado prima di continuare il processo di allentamento alternando la direzione della trazione. Tirare e tirare sono probabilmente parole fuorvianti da usare in questo caso per trasmettere la sensibilità necessaria per cooperare con il gatto mentre si sforza e si riposa momentaneamente tra una trazione e l'altra, in modo che i progressi continuino senza temere di ferire il gatto o il gattino. Non appena il gattino è fuori, liberate la bocca e il naso da tutte le membrane e i liquidi.

Gattino appena nato
Se una mamma gatta ignora il gattino appena nato è necessario intervenire per liberarlo dalla placenta e rianimarlo

Metodi di risveglio del gattino

In genere, una madre gatta normale è in grado di pulire e asciugare i suoi gattini molto meglio di qualsiasi umano, quindi non interferite se non è necessario. Tuttavia, se un gattino è stato aiutato ad uscire e non respira, o in quelle rare occasioni in cui l'istinto materno sembra mancare e il gattino viene ignorato, rianimarlo diventa una questione urgente. L'osservazione dei metodi propri del gatto mostra l'ordine in cui imitarli al meglio. Il primo atto del gatto è quello di verificare che il naso e la bocca del gattino siano liberi. Successivamente, con un'azione di mordicchiamento, il gatto prende e poi mastica il cordone ombelicale e nel farlo stimola la zona addominale dell'ombelico, facendo partire la respirazione. Se questo non è sufficiente, segue un vigoroso massaggio di leccamento di questa zona. Infine, una leccata asciugante più generale e una certa attenzione alla parte posteriore dell'addome e alla zona anale, per avviare il movimento intestinale e vescicale. Poi, se necessario, una spinta verso i capezzoli materni. L'imitazione umana può seguire più o meno lo stesso schema con delle aggiunte in caso di vera emergenza.

    S

  • trappare le membrane dal naso, pulire il naso e aprire la bocca, inclinare la testa del gattino verso il basso e rimuovere il liquido.
  • Se il cordone non si è rotto al momento del parto, strappatelo a un buon centimetro dal gattino e rimuovete le membrane. Non è necessario tagliare e legare il cordone in modo complicato. Il gatto lo mordicchia, esercitando un'azione schiacciante per evitare il sanguinamento; strapparlo tra le prime due dita e il pollice fa più o meno la stessa cosa. Il gattino deve essere sostenuto e il cordone deve essere tenuto all'estremità del gattino in modo da ridurre al minimo il rischio di tirarlo.
  • Se il gattino non respira ed è evidentemente vigoroso, o se è arrivato prima alla coda ed ha eventualmente inalato del liquido, è necessario rimuovere i detriti e il liquido dalle vie respiratorie. Se è disponibile un'attrezzatura per l'aspirazione delicata, è possibile aspirare i detriti dalle vie aeree. Si può anche utilizzare un catetere urinario di gatto Jackson collegato a una siringa da 5-10 ml. Si può anche indurre il gattino a starnutire e tossire stimolando il naso/la gola. Uno dei metodi tradizionalmente utilizzati consiste nel far dondolare il gattino. A tal fine, il gattino deve essere posizionato sul palmo della mano, con il dorso rivolto verso il palmo e il collo tra l'indice e il terzo dito, con la testa che sporge tra le dita. Chiudete il gattino tra le dita e, ruotando il palmo della mano verso il basso con il braccio teso, date un'oscillazione molto delicata; assicuratevi prima di tutto di non essere troppo vicini al tavolo o a un altro bordo sporgente, altrimenti succederà un disastro. L'oscillazione avrà l'effetto di far uscire i liquidi dalle vie respiratorie e un'ulteriore passata di naso e bocca li eliminerà. L'oscillazione serve anche a stimolare la respirazione. Fate attenzione: se eseguito con troppa forza, questo metodo può provocare un'emorragia cerebrale.
  • Il movimento successivo imita il leccamento della parete addominale e stimola la respirazione. Si tratta di un movimento di accarezzamento e sfregamento con un asciugamano pulito. Supponendo che il gattino abbia ormai una respirazione regolare, questo movimento può essere seguito da un'energica asciugatura generale. Se il gattino non respira, può essere necessaria una forma di respirazione artificiale. La respirazione bocca a bocca può essere utile, ma solo se eseguita con molta attenzione. Ci sono diversi punti essenziali da ricordare. Non serve a nulla soffiare liquidi e detriti più in basso, che devono essere prima eliminati (vedi sopra). In secondo luogo, la capacità dei polmoni del gattino rispetto all'uomo è minima. Soffiare molto delicatamente e fare una pausa per l'espirazione. Ripetete questo ciclo ogni tre-cinque secondi. La respirazione nelle vie aeree del gattino attraverso un piccolo tubo endotracheale o una cannuccia per bere può contribuire a ridurre il rischio di gonfiare eccessivamente i polmoni del gattino ed è più igienica della respirazione diretta bocca a bocca. Sono stati utilizzati vari altri metodi per far boccheggiare l'animale appena nato.

Sebbene alcune di queste tecniche possano funzionare, un trattamento più affidabile è l'applicazione di una goccia di doxapram sulla parte inferiore della lingua del gattino. In caso di dubbio, continuate a stimolare il gattino; alcuni possono essere rianimati anche dopo 30 minuti dalla nascita. Tuttavia, più lunga è la durata della respirazione, più alto è il rischio che l'ipossia causi danni cerebrali o cecità.

Il calore: la temperatura è importante

La temperatura è un elemento essenziale per il neonato. Il gattino non può reagire al freddo rabbrividendo e non può controllare la propria temperatura corporea. Normalmente, il calore viene ottenuto attraverso il contatto diretto con la madre e conservato grazie alla scelta materna di un giaciglio chiuso. Il primo punto da ricordare in caso di necessità di aiuto è che un gattino appena nato bagnato perde calore molto rapidamente, quindi è necessario strofinare bruscamente il gattino. Se la madre è malata o non collabora, è necessario utilizzare una borsa dell'acqua calda ben coperta e conservare il calore con una coperta. Occorre prestare molta attenzione a non provocare ustioni da contatto se la bottiglia è troppo calda. Un'alternativa accettabile è la lampada a infrarossi, ampiamente utilizzata per i maiali e i cuccioli e facilmente reperibile. I suoi svantaggi sono che molti gatti non amano il letto aperto richiesto per il suo utilizzo e che può rendere sia la madre che i gattini troppo caldi e diminuire il normale contatto di allattamento tra la gatta e i gattini.

L'importanza dei difetti congeniti

I difetti congeniti che sono evidenti al momento della nascita e che possono essere coinvolti nella distocia sono i seguenti:

  • Anasarca o edema generalizzato (ristagno di acqua nei tessuti)
  • Deformità grave o assenza di arti
  • Ernia o sviluppo incompleto della parete ventrale del corpo
  • Grave idrocefalo con marcato ingrossamento del cranio
  • Spina bifida o sviluppo incompleto della parete dorsale del corpo
>Molte gravi anomalie ereditarie non sono evidenti alla nascita e le anomalie degli occhi, dell'udito e del cuore rientrano in questa categoria. Le sospette anomalie delle articolazioni e degli arti devono essere considerate con cautela, a meno che non siano del tutto evidenti, come ad esempio un grave accorciamento di un arto. Alla nascita le articolazioni sono strutture molto incomplete e la maggior parte delle apparenti "doppie articolazioni" o rotazioni degli arti si correggono da sole quando il gattino diventa veramente mobile. Un gattino può essere rifiutato dalla madre anche se sembra del tutto normale. La scelta, in questo caso, è tra l'allevamento a mano, l'affido o la soppressione e, a questo proposito, va ricordato che il gattino allevato completamente a mano sarà svantaggiato nelle risposte comportamentali alla sua stessa specie. La decisione può essere presa dall'allevatore solo dopo aver valutato attentamente le circostanze.

Gattino beve latte da siringa
Se la madre rifiuta il gattino può essere necessario allattarlo a mano tramite una siringa

Complicazioni successive al parto o alla puerpera

Ritenzione delle membrane fetali

Occasionalmente una gatta può non riuscire a superare l'ultimo gruppo di membrane fetali dopo che il parto sembra essere completato. Probabilmente mostrerà alcuni segni di irrequietezza e di disagio addominale e potrebbe non essere disposta a sistemarsi con i suoi gattini nelle 24-72 ore successive al parto. L'appetito sarà probabilmente scarso e si potrà notare una perdita vaginale brunastra. L'esame mostrerà un aumento della temperatura e la palpazione attraverso la parete addominale rivelerà un'area addensata e bitorzoluta dell'utero contenente le membrane. È necessaria una copertura antibiotica ad ampio spettro e la prostaglandina F2-alfa può aiutare a indurre l'espulsione delle membrane trattenute. .

Metrite

La metrite (infiammazione dell'utero) si verifica occasionalmente, di solito entro tre giorni dal parto. La gatta è molto più evidentemente malata rispetto alla semplice ritenzione delle membrane fetali. È spenta e letargica, ignora i gattini, rifiuta il cibo, diventa polidipendente e può vomitare. Sono presenti perdite vaginali purulente e maleodoranti e febbre. La palpazione dell'addome può provocare dolore alla regina e l'utero è solitamente ispessito. Gli antibiotici dovrebbero essere scelti in base alla coltura e alla sensibilità. Tuttavia, il trattamento di prima linea consiste solitamente in un antibiotico ad ampio spettro, ad esempio amoxicillina-acido clavulanico o una cefalosporina. .

Problemi uterini

Il prolasso uterino descrive il telescopio dell'utero che sporge dalla vulva. Si verifica raramente, ma viene visto come un'emergenza acuta post-partum. L'aspetto dell'utero invaginato sulla vulva è evidente. Inizialmente, si nota che la gatta si sforza e si sente a disagio nonostante il parto sia stato completato. Se il trattamento viene ritardato, la gatta diventa rapidamente spenta, scioccata e letargica, in modo simile all'animale con rottura dell'utero. Il prolasso uterino costituisce un'emergenza che richiede un immediato supporto medico e un intervento chirurgico.

Mastite

La mastite (infiammazione delle ghiandole mammarie), come forma acuta suppurativa, si può verificare durante l'inizio della lattazione. Di solito è limitata a una ghiandola e può seguire una semplice congestione o un sovraccarico. La ghiandola colpita è tesa, calda, dolorosa e ingrossata. Se è solo congestionata, l'applicazione di calore e il successivo massaggio delicato faranno uscire il latte normale dall'orifizio del capezzolo e la situazione può essere rapidamente risolta mungendo la ghiandola interessata. Se è presente un ascesso, il gatto diventa febbricitante e, oltre al dolore e al gonfiore della ghiandola, si noterà un'area puntiforme dovuta all'accumulo di pus. Gli antibiotici sono essenziali. Anche se, idealmente, dovrebbero essere scelti in base alla coltura e alla sensibilità, il trattamento di prima linea consiste solitamente in un antibiotico ad ampio spettro, ad esempio amoxicillina-acido clavulanico o una cefalosporina.

Tetania da allattamento

La tetania da allattamento, conosciuta anche come tetania puerperale, potrebbe, verificarsi durante o in qualsiasi momento dopo il parto. Nella gatta, la maggior parte dei casi è stata registrata più avanti nella lattazione, da 17 giorni a otto settimane dopo il parto. Sebbene non si conoscano le cause precise di questa condizione, essa comporta un'improvvisa diminuzione della quantità di calcio circolante nel sangue. È indubbiamente legata alle esigenze della produzione di latte e il gatto colpito ha di solito una cucciolata piuttosto numerosa da allattare. I primi segni dell'insorgenza della patologia comprendono solitamente mancanza di coordinazione e spasmi muscolari tetanici con successivo collasso e coma. Il trattamento con l'iniezione endovenosa di preparati di calcio porta a una spettacolare inversione della condizione. Può essere necessaria una successiva iniezione sottocutanea per mantenere il recupero. I gattini devono essere allontanati dal gatto se sono abbastanza grandi, altrimenti è necessario ridurne il numero o somministrare un'alimentazione supplementare. La tetania da allattamento si verifica spesso dopo ogni parto, per cui è necessario tenere presente questo fatto quando si valuta l'opportunità di riprodurre nuovamente la gatta e di adottare misure di profilassi o, in alternativa, di sterilizzarla.

Domande frequenti

Quanto è lungo il parto di una gatta?

Dovreste chiamare il veterinario per un consiglio durante il parto se: la prima fase dura più di 24 ore senza alcun segno di sforzo. la gatta si sforza per più di 30 minuti senza produrre nulla - questo potrebbe indicare un'ostruzione (ad esempio un gattino molto grande).

Cosa fare quando la gatta ha difficoltà a partorire?

Se non spinge attivamente e non si sforza, la lascerei riposare in uno spazio tranquillo e la controllerei regolarmente. Se sta spingendo attivamente e non partorisce un gattino entro 2 ore, allora è necessario rivolgersi immediatamente a un medico. Spero che tutto vada bene per lei e per voi.

Quando devo preoccuparmi del parto della mia gatta?

Di solito la nascita di tutti i gattini avviene in 4-16 ore, ma può durare di più. ATTENZIONE: contattate il veterinario se la vostra gatta si sforza per 20-30 minuti senza produrre un gattino, se piange per il dolore o se siete preoccupati in qualsiasi momento.

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Commenti

Hai dubbi o domande? Vuoi condividerela tua opinione? Scrivici!

Ho letto la Privacy Policy e accetto l’invio di informazioni commerciali tramite email.

Ti potrebbero interessare

A cosa servono i baffi dei gatti

Sia che possediate un gatto o meno, forse vi siete domandati sia lo scopo dei baffi di un gatto. Molti animali...

di Fabiana Valentini -

Perché ai gatti non piace l'acqua?

Per anni si è discusso sul perché ai gatti non piaccia l acqua. Alcuni dicono che è perché i loro antenati erano animali...

di Fabiana Valentini -