Lasciare uscire fuori il gattino per la prima volta

di Fabiana Valentini 5522 visite

Prima di qualsiasi uscita all'aperto, è bene considerare come si intende dare al gatto o al gattino l'accesso all'esterno a lungo termine. Se siete a casa per lunghi periodi della giornata, potreste pensare di consentire l'accesso "su richiesta" attraverso la porta sul retro o una finestra opportunamente posizionata, ad esempio. Se invece siete fuori casa per lavoro durante il giorno, potreste preferire l'installazione di una gattaiola. L'ambiente locale determinerà le regole da seguire per quanto riguarda i limiti di tempo per l'accesso all'esterno. Potreste voler confinare il gattino o il gatto al crepuscolo, in modo che possa rimanere in casa di notte, o limitarne l'accesso all'esterno nelle ore in cui il traffico è intenso.

A causa del potenziale contagio di malattie come l'enterite o l'influenza felina, il gattino non dovrebbe essere ammesso all'esterno fino ad almeno una settimana dopo aver terminato il primo ciclo di vaccinazioni, all'età di circa 13-14 settimane (a seconda del vaccino). A quel punto potrete lasciarlo libero di esplorare l'esterno, purché sia sorvegliato. Quando sarà completamente vaccinato e si sarà abituato a vivere in casa, potrete iniziare a farlo uscire un po' di più. Tuttavia, prima di lasciare che il gattino abbia libero accesso all'esterno, assicuratevi che sia stato sterilizzato (a circa 4 mesi). Dovreste anche assicurarvi che il vostro giardino sia sicuro per il gattino, coprendo eventuali stagni, bloccando eventuali buchi nelle recinzioni e rimuovendo qualsiasi sostanza o oggetto potenzialmente pericoloso per il giardino, come conservanti per il legno, insetticidi, attrezzi affilati, ecc.

È utile abituare il gattino o il gatto a farsi chiamare per venire da voi: potete offrirgli dei piccoli bocconcini in modo che sia felice di rispondere. In questo modo avrete un po' di controllo quando uscirete per chiamarlo.

Importante

Prima di far uscire il vostro nuovo gattino o gatto, assicuratevi che abbia un mezzo di identificazione: un collare ben fissato con una medaglietta (con il vostro numero di telefono) o, idealmente, un microchip di identificazione impiantato sotto la pelle sulla collottola.

Scegliete una giornata asciutta (se possibile) e un orario tranquillo in cui potete accompagnare il gattino fuori, permettendogli di esplorare il nuovo ambiente. Per le prime due uscite è meglio evitare le emozioni, come altri gatti, cani che potrebbero abbaiare o bambini che urlano nel giardino dei vicini, in modo che il gattino (o la gatta) possa concentrarsi su di voi e non si spaventi. Continuate ad accompagnare il gattino finché non si sarà abituato al giardino e non sarà in grado di ritrovare la strada di casa senza difficoltà. È meglio non lasciare il gattino all'aperto da solo fino all'età di 6 mesi ed è essenziale che sia sterilizzato (a partire dai 4 mesi di età) prima di consentirgli l'accesso senza sorveglianza.

Se avete adottato un gatto adulto, probabilmente vi sarà stato consigliato di tenerlo in casa per 2-3 settimane per farlo ambientare nella nuova casa. Alcuni gatti tollerano bene questo periodo, ma altri desiderano uscire prima o poi. Probabilmente è meglio attenersi a questo lasso di tempo, soprattutto se ritenete che ci siano stati segni di ansia dal suo arrivo. Quando decidete di far uscire il gatto per la prima volta, scegliete un periodo tranquillo e asciutto, quando siete a casa tutto il giorno, e fatelo poco prima di un pasto di routine. Accompagnate il gatto all'esterno, ma non allarmatevi se scompare in qualche cespuglio; si tratta di una strategia normale per consentirgli di acclimatarsi al nuovo ambiente in un luogo dove può osservare senza essere visto. Inizialmente lasciate la porta sul retro aperta e, dopo 30-60 minuti, richiamate il gatto in casa per il pasto e ripetete l'operazione il giorno successivo. La maggior parte dei gatti si adatta molto rapidamente all'esplorazione del nuovo territorio all'esterno e probabilmente non avrà bisogno di un'introduzione graduale di questo tipo, ma i soggetti più timidi potrebbero trarre beneficio da un aumento graduale dei periodi all'esterno nelle prime settimane.

Alcuni proprietari preferiscono ridurre al minimo i rischi dell'accesso all'esterno, pur mantenendo l'alto livello di arricchimento che l'aria aperta offre, creando un territorio esterno controllato per il loro gattino. A seconda delle dimensioni del giardino e delle sue caratteristiche, le opzioni includono:

  • Barriere per gatti - Ideali se si dispone di una recinzione esistente, alla quale è possibile fissare una barriera sporgente.
  • Recinti per gatti - recinzioni per gatti che possono essere utilizzate per delimitare parti del giardino o in presenza di una siepe di ligustro.
  • Catio - adatti ai piccoli cortili di periferia o dove è richiesta una copertura in rete per garantire un'elevata sicurezza.

Alcune persone prendono in affidamento gatti adulti che non sono mai stati all'aperto e si chiedono se saranno in grado di adattarsi a uscire nel grande mondo. Ma è sorprendente la capacità di adattamento dei gatti e ci sono molti esempi di gatti che hanno condotto un'esistenza al chiuso per la maggior parte della loro vita e che apprezzano l'opportunità di uscire in un nuovo ambiente.

All'inizio possono essere un po' nervosi, ma la maggior parte di loro si adatta come un'anatra all'acqua. È affascinante pensare che tutti questi comportamenti istintivi si siano assopiti, ma possano ancora prendere vita quando il gatto ha l'opportunità di fare ciò che gli viene naturale!

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Ti potrebbero interessare