Tutto sul gatto Birmano

di Fabiana Valentini 3571 visite

Gatto misterioso e leggendario, il Birmano è un gatto colorato con pelo lungo e setoso e quattro zampe bianche. Spesso hanno una corporatura robusta, allungata e tozza, ma non sono né snelli né tozzi. La testa è caratterizzata da mascelle forti, mento solido e naso di media lunghezza.

Personalità

I Birmani sono compagni affettuosi, gentili e fedeli, con un'aria di dignità che sembra invitare all'adorazione da parte delle loro famiglie. Come ex gatti del tempio, i Birmani sembrano essersi abituati all'adorazione. Sono molto intelligenti e affettuosi e, secondo alcuni, sono spesso molto orientati verso le persone. In genere accolgono i visitatori con curiosità piuttosto che con paura. Grazie al loro temperamento gentile, i Birmani sono generalmente facili da gestire e da accudire e sono gli animali domestici ideali per chi desidera compagni tranquilli che offrano amore e affetto.

Micini birmani
Cuccioli di gatto Birmano<

La storia

Secondo una leggenda secolare, nei templi buddisti della Birmania (l'attuale Myanmar) risiedevano gatti bianchi e puri, venerati come portatori felini delle anime dei sacerdoti che avevano lasciato la pianura mortale. (Il termine per indicare questo processo è trasmutazione, che significa passare da una forma a un'altra). In questi templi si venerava la dea della trasmutazione, Tsim-Kyan-Kse, rappresentata da una statua d'oro con occhi di zaffiro luminosi. Mun-Ha, sacerdote e adoratore di Tsim-Kyan-Kse, prestava servizio presso il tempio di Lao-Tsun. Ogni sera il fedele compagno di Mun-Ha, Sinh, uno dei 100 gatti bianchi sacri che vivevano nel tempio, si univa a Mun-Ha per le preghiere serali davanti alla statua d'oro.

Un giorno, i predoni del Siam saccheggiarono il tempio per le sue ricchezze e colpirono Mun-Ha. Mentre Mun-Ha giaceva morente, Sinh mise le sue zampe sulla testa di Mun-ha e si trovò di fronte alla statua di Tsim-Kyan-Kse. Improvvisamente, la pelliccia bianca di Sinh si trasformò in una splendida tonalità dorata, il suo muso, la sua coda e le sue zampe si scurirono del colore della terra e i suoi occhi passarono dal giallo a un profondo blu zaffiro. Le zampe di Sinh, invece, rimasero bianche come simbolo dello spirito puro di Mun-Ha. Il mattino seguente, tutti i gatti del tempio avevano subito la stessa trasformazione. Per i sette giorni successivi Sinh rifiutò ogni cibo e infine morì, portando lo spirito di Mun-Ha in paradiso.

La storia più scientifica e meno romantica di questa razza, chiamata anche Gatto Sacro di Birmania, inizia nel 1919, quando una coppia di gatti Birmani arrivò in Francia. A questa coppia di gatti sono associate due diverse testimonianze e, come la leggenda, nessuna delle due è documentabile. La prima narra che, intorno all'inizio del XX secolo, il tempio di Tsim-Kyan-Kse subì una nuova incursione. Due occidentali, Auguste Pavie e il maggiore Gordon Russell, aiutarono alcuni sacerdoti e i loro gatti sacri a fuggire in Tibet. Quando i due tornarono in Francia nel 1919, ricevettero in dono dai sacerdoti una coppia di gatti birmani.

Nel secondo racconto, meno eroico, un individuo di nome Mr. Vanderbilt acquistò la coppia di Birman da un servitore scontento del tempio di Lao-Tsun. In entrambi i casi, il gatto maschio, Maldapour, morì durante il viaggio verso la Francia, ma la femmina, Sita, arrivò in Francia incinta della prole di Maldapour e divenne la base europea della razza Birmana.

Caratteristiche fisiche del gatto birmano

Corpo

Allungato e tozzo, con una buona muscolatura.

Testa

Cranio forte, largo e arrotondato; una leggera macchia piatta davanti a ciascun orecchio e una leggera macchia piatta sulla fronte tra le orecchie. La fronte è inclinata all'indietro e leggermente convessa. Il naso è di media lunghezza e larghezza, in proporzione alle dimensioni della testa; il naso inizia appena sotto gli occhi ed è romano (leggermente convesso) nella forma e nel profilo; le narici sono posizionate in basso sulla pelle del naso. Guance piene con muso leggermente arrotondato; muso né corto e smussato né appuntito e stretto. Mascelle pesanti. Mento forte e ben sviluppato.

Orecchie

Di media lunghezza; alla base sono larghe quasi quanto l'altezza. Modificate a punta arrotondata in punta; posizionate tanto lateralmente quanto sulla sommità della testa.

Occhi

Quasi rotondi con espressione dolce. Ben distanziati, con l'angolo esterno leggermente inclinato verso l'alto. Colore blu.

Gambe e zampe

Gambe di media lunghezza e pesanti. Zampe grandi, rotonde e solide; cinque dita davanti e quattro dietro. Cuscinetti delle zampe: rosa, a volte con macchie scure sui cuscinetti delle zampe a causa dei due colori del disegno.

Coda

Di media lunghezza, in piacevole proporzione con il corpo.

Manto

Da medio-lungo a lungo, di consistenza setosa, con una pesante ruchetta intorno al collo; leggermente arricciato sul ventre. Il pelo non si opacizza.

Colore

Seal point, blue point, chocolate point e lilac point. Colore del corpo uniforme; forte contrasto tra il colore del corpo e i punti. Punti della maschera, delle orecchie, delle zampe e della coda densi e chiaramente definiti, tutti della stessa tonalità. La maschera copre l'intera faccia, compresi i cuscinetti dei baffi, e si collega alle orecchie mediante tracciature. Non ci sono ticchettii o peli bianchi nelle punte. Le zampe anteriori hanno guanti bianchi che terminano in una linea uniforme attraverso la zampa in corrispondenza o tra la seconda o terza articolazione. Il limite superiore del bianco è il cuscinetto metacarpale (rugiada). I guanti delle zampe posteriori coprono tutte le dita; possono estendersi più in alto dei guanti anteriori. I guanti si estendono sulla parte posteriore del garretto, chiamati lacci. I lacci terminano a punta o a "V" rovesciata e si estendono da ½ a ¾ del garretto. Idealmente, i guanti anteriori coincidono con quelli posteriori e i lacci con quelli posteriori.

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Commenti

Hai dubbi o domande? Vuoi condividerela tua opinione? Scrivici!

Ho letto la Privacy Policy e accetto l’invio di informazioni commerciali tramite email.

Ti potrebbero interessare

Gatto del BENGALA: guida alla razza

Il Bengala è un gatto domestico con caratteristiche fisiche tipiche dei gatti selvatici che vivono nelle foreste e con...

di Fabiana Valentini -