Gli antiparassitari per gatti: quali utilizzare?

di Fabiana Valentini 33 visite

Quando adottiamo un amico peloso, che si tratti di un cane o di un gatto, dobbiamo sincerarci che la sua salute sia sempre tutelata. Come per i cani, anche i gatti hanno bisogno di proteggersi da zecche, pulci, pappataci e altri fastidiosi ospiti che potrebbero comportare seri problemi di salute per il felino. Se un tempo ci preoccupavamo di proteggere il gatto da questi rischi solamente nel periodo primaverile o estivo, ora è fondamentale avviare un protocollo di profilassi che possa proteggerlo tutto l’anno.

Gli antiparassitari per gatti si presentano in diversi formati e tipologie: abbiamo realizzato questo pratico vademecum per accompagnarvi alla scoperta dei prodotti antiparassitari dedicati al mondo felino e aiutarvi nella scelta del prodotto migliore per il vostro gatto.

I formati di antiparassitari

Spot-on, pipette, shampoo: se entrate in un negozio di animali vi troverete di fronte a scaffali pieni di questi prodotti. Ma quali sono le differenze tra un formato e l’altro? Vediamo qui di seguito quali sono le tipologie di antiparassitari per gatti da poter acquistare.

Le fialette spot-on o le pipette

Questo formato è davvero molto semplice da utilizzare: la fialetta (spesso anche in monouso) si applica sul manto del gatto e protegge il vostro amico peloso fino a 4 settimane. L’efficacia di questo genere di prodotti è elevata: una fialetta spot-on agisce su zecche, pidocchi, pulci. Sapete come si applica? Vi basterà spostare il pelo del gatto e applicare il prodotto lungo la pelle del collo o tra le scapole in modo tale che il micio non lo lecchi.

Tra i marchi di riferimento troviamo Frontline che propone uno Spot-On dedicato proprio ai gatti. Il principio attivo è il Fipronil che aiuta a proteggere il micio dai parassiti, oltre a svolgere un’azione preventiva contro nuove infestazioni.

Collarino antipulci

Questo dispositivo è molto utilizzato ed è una prassi comune sia per cani che per i gatti. Il rischio per il micio è basso: il collare potrebbe provocare irritazioni. Nel caso in cui si verifichi questo problema rivolgetevi immediatamente al medico veterinario. Perché scegliere un collarino antipulci? È un dispositivo pratico e la sua azione ha una lunga durata (fino a 10 mesi a seconda del brand).

Un esempio? Il collare Seresto gatti si basa su una tecnologia innovativa chiamata Polymer Matrix che va a rilasciare in maniera graduale il principio attivo sul manto del gatto. Il collare Seresto offre protezione da pulci e zecche per un periodo di 8 mesi.

Shampoo

Il vostro gatto ha familiarità con l’acqua e si fa lavare di buon grado? Allora potete pensare all’acquisto di uno shampoo specifico per gatti. Rispetto ai dispositivi descritti in precedenza, lo shampoo offre una durata che arriva fino a 2 settimane. Come dicevamo in precedenza, se il vostro gatto non ha problemi con l’acqua vi basterà frizionare il prodotto sul pelo e sciacquarlo, facendo bene attenzione alle orecchie e agli occhi dell’animale.

Nei negozi di animali e online potrete trovare un’ampia gamma di prodotti specifici per il vostro gatto. Ad esempio Derma Neem Shampoo di Belfarm è un prodotto utile nel trattamento antiparassitario di piccoli e grandi animali e ha una formulazione a base di olio di Neem, calendula, olio di Jojoba e tea tree oil.

Spray o polvere

L’uso di uno spray protegge il gatto per circa un mese, ma questo lasso di tempo può variare a seconda del brand scelto. Dopo aver usato lo spray ricordatevi di areare bene l’ambiente per non rischiare di inalare un prodotto chimico. Il prodotto agisce direttamente quando viene spruzzato sul pelo e sulla cute del gatto.

Frontline Spray è un trattamento che elimina in modo duraturo pulci, pidocchi e zecche e si utilizza quando l’infestazione è in atto. Si consiglia inoltre, nel caso di infestazioni massicce, di trattare anche la cuccia del gatto con un prodotto apposito e di pulirla frequentemente.