Tutto sul gatto Tonkinese

di Fabiana Valentini 615 visite

Il Tonkinese è un gatto vigile e attivo, con un buon sviluppo muscolare. Il Tonkinese è un gatto molto affabile ed è noto per il suo buon temperamento e la sua fedele compagnia.

Personalità

Il Tonkinese ha una personalità accattivante, il che non sorprende visto che il Burmese e il Siamese sono apprezzati per il loro temperamento. I suoi fedeli seguaci dicono che il Tonkinese ha il meglio di entrambe le razze. La sua voce è più mite rispetto al siamese, ma crede nella libertà di parola dei felini e vuole condividere con voi tutte le avventure della giornata quando tornate a casa la sera.

Il Tonkinese desidera e ricambia l'affetto e la compagnia. A differenza del resto della famiglia, questo gatto si unirà sempre a voi per la cena. Il Tonk ha un entusiasmo inarrestabile per la vita e i suoi piaceri e ama i giochi interattivi, come le dita umane e le code dei suoi compagni di vita. Rende ogni incontro ravvicinato un gioco.

Pur adattandosi volentieri agli esseri umani e agli animali, i Tonkini possono infastidire gli animali domestici più tranquilli e quindi potrebbero trovarsi meglio in una famiglia con animali con un livello di attività simile.

La storia

Sebbene l'allevamento programmato del Tonkinese sia iniziato solo negli anni '60, le prime versioni della razza esistono con ogni probabilità da centinaia di anni. Poiché i gatti birmani, originariamente chiamati "gatti di rame" nella loro terra d'origine, il sud-est asiatico, sono esistiti nelle stesse regioni dei siamesi per secoli, sembrano probabili incroci pianificati o non intenzionali. I gatti marroni solidi (self-brown) e i siamesi chocolate sono stati tra i primi felini ad arrivare in Inghilterra dal Siam alla fine del 1800, insieme ai siamesi sealpoint dagli occhi blu.

I primi documenti descrivono i gatti di colore marrone come "siamesi, con mantello di castagno brunito e occhi verdi-blu". I ricercatori ritengono che queste importazioni non fossero tutte dello stesso tipo genetico, ma che rappresentassero piuttosto quelli che oggi sarebbero chiamati Burmese, Siamese chocolate point, Tonkinese e Havana Brown. A questo punto, è difficile distinguere l'uno dall'altro dalle descrizioni disponibili. Ironia della sorte, Wong Mau, il gatto di fondazione del birmano portato negli Stati Uniti nel 1930, è risultato essere un ibrido siamese/birmano e oggi sarebbe considerato un tonkinese. Questi gatti siamesi e a tinta unita furono esposti in Europa tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900. Poco dopo, tuttavia, questi gatti caddero in disgrazia. Nel 1930, il Siamese Cat Club annunciò: "Il club si rammarica di non poter incoraggiare l'allevamento di altri siamesi che non abbiano gli occhi blu". I gatti a tinta unita privi di occhi blu furono quindi banditi dalle competizioni e scomparvero dal mondo dei gatti.

Il Tonkinese ebbe un nuovo inizio come razza riconosciuta all'inizio degli anni '60, quando l'allevatrice canadese Margaret Conroy incrociò un Burmese zibellino con un Siamese sealpoint. Il prodotto dell'incrocio fu un gatto di tipo e temperamento intermedio, che Conroy chiamò inizialmente "Siamese dorato". Quando nacque il Tonkinese, sia il Burmese che il Siamese non erano ancora stati trasformati dall'allevamento selettivo nelle loro attuali conformazioni. Il Siamese non aveva ancora raggiunto il suo stile da esposizione estremamente slanciato, e il Birmano non era ancora così compatto e tarchiato, né la forma della testa così ampia e arrotondata. Tuttavia, combinare le due cose e ottenere un tipo di testa e di corpo uniforme e coerente era una sfida per gli allevatori di Tonkinese.

Per distinguere la razza dal Siamese, il nome fu cambiato in "Tonkanese" nel 1967. Nel 1971 gli allevatori votarono per cambiare il nome in "Tonkinese", in onore della Baia del Tonchino, al largo della Cina meridionale e del Vietnam del Nord. Il nome era attraente e aveva un bel sapore esotico, anche se la razza non proveniva dalla zona della Baia del Tonchino.

In collaborazione con altri importanti allevatori come Jane Barletta del New Jersey, Conroy scrisse il primo standard di razza, che fu presentato alla Canadian Cat Association (CCA). Il Tonkinese fu la prima razza ad essere sviluppata in Canada. Nel 1971, la CCA divenne il primo registro felino a concedere lo status di campionato al Tonkinese. La CFF ha riconosciuto il Tonkinese nel 1974; la TICA l'ha seguita nel 1979, anno in cui si è costituita come associazione.

Nell'ottobre 1979, il CFA approvò la "regola dei cinque anni", che imponeva alle nuove razze di rimanere per cinque anni nella nuova classe miscellanea non competitiva. Il CFA concesse alla razza Tonkinese lo status di campionato nel 1984. Nel 1990, tutte le principali associazioni avevano accettato la razza per il campionato.

Caratteristiche fisiche del gatto Tonkinese

Corpo

Torso di media lunghezza, che dimostra una forza muscolare ben sviluppata senza grossolanità. La conformazione del Tonkinese si colloca a metà strada tra i tipi di corpo lunghi e slanciati e i tipi di corpo tozzi e compatti. L'equilibrio e le proporzioni sono più importanti delle sole dimensioni. L'addome deve essere teso, ben muscoloso e solido.

Testa

La testa è un cuneo modificato e leggermente arrotondato, un po' più lungo che largo, con zigomi alti e dolcemente piallati. Il muso è smussato, tanto lungo quanto largo. Una leggera interruzione dei baffi, dolcemente arcuata, segue le linee del cuneo. Leggero stop all'altezza degli occhi. Di profilo, la punta del mento si allinea con la punta del naso sullo stesso piano verticale. Leggero rialzo dalla punta del naso allo stop. Contorno delicato con un leggero rialzo dallo stop del naso alla fronte. Leggera curva convessa sulla fronte.

Orecchie

Allertate, di media grandezza. Punte ovali, larghe alla base. Orecchie posizionate sia ai lati della testa che in alto. Peli sulle orecchie molto corti e ravvicinati.

Occhi

Aperti a mandorla. Inclinati lungo gli zigomi verso il bordo esterno dell'orecchio. Gli occhi sono di dimensioni proporzionate al viso.

Zampe e piedi

Zampe abbastanza sottili, proporzionate in lunghezza e ossatura al corpo. Le zampe posteriori sono leggermente più lunghe di quelle anteriori. Zampe più ovali che rotonde. Trim. Dita: cinque davanti e quattro dietro.

Coda

Di lunghezza proporzionata al corpo. Affusolata.

Manto

Di lunghezza medio-corta, aderente, fine, morbido e setoso, con lucentezza.

Colore

Naturale, champagne, blu e platino in modelli solidi, point e visone. Con i colori diluiti in particolare, lo sviluppo del colore completo del corpo può richiedere fino a 16 mesi. I gatti si scuriscono con l'età.

Ti potrebbero interessare