15 gatti famosi della storia del mondo

di Fabiana Valentini 261 visite

Quale animale è sopravvissuto ai voli spaziali, ha creato leggende, ha ispirato Nikola Tesla, è stato in Giappone, ha servito la Royan Navy, è stato eletto sindaco di una città dell'Alaska e si è seduto al fianco degli antichi reali egizi? Il gatto, naturalmente! Oggi rendiamo omaggio a 15 gatti famosi della storia mondiale, speriamo che le loro storie vi facciano amare ancora di più questi felini speciali!

I gatti sono presenti nell'ambiente umano da molto tempo, quindi è naturale che nel corso della storia sia apparso più di qualche felino degno di nota, di seguito la lista in ordine cronologico di apparizione.

La lista dei gatti più famosi della storia

Ta-Miu, compagno del principe ereditario Thutmose

Ta-Miu
Il sarcofago di Ta-Miu

Ta-Miu era l'animale domestico del principe ereditario Thutmose, figlio maggiore del faraone Amenhotep III e della regina Tiye della XVIII dinastia egizia (1549/1550-1292 a.C.). Dopo la sua morte, Ta-Miu fu mummificata e sepolta in un sarcofago decorato. In realtà, il suo sarcofago offre la maggior parte di ciò che il mondo conosce sulla breve vita del principe ereditario Thutmose.

Il principe Thutmose è ricordato soprattutto per il sarcofago in pietra calcarea del suo gatto, Ta-miu (gatta). Il corpo di questo sarcofago di gatto è completamente decorato con scene, mentre il coperchio è inciso con geroglifici. La gatta è seduta davanti a un tavolo d'offerta colmo di leccornie per l'aldilà. Sembra che il suo padrone volesse che si godesse il suo tempo dopo la morte così come aveva apprezzato il fatto di essere un coccolato animale domestico reale in vita. Il retro del sarcofago mostra un gatto seduto a un tavolo carico di offerte e di un fiore di loto, segno di resurrezione e rinascita.

Ci sono due ragioni per mummificare un gatto: la prima è quella di dare all'animale domestico una sepoltura premurosa (come Ta-miu), mentre la seconda, più comune, è per scopi rituali. Un certo numero di animali, compresi i gatti, venivano mummificati per servire come offerte rituali agli dei. I gatti venivano spesso offerti come votivi alla dea Bastet, dalla testa di gatto, e la pratica di mummificare gli animali raggiunse l'apice nel I millennio a.C.

Rimanendo in Egitto citiamo anche Bastet che era la dea gatta egizia che proteggeva le donne incinte e le madri con i loro bambini. Era anche associata alla gioia e alla musica, il che spiega perché viene spesso raffigurata mentre suona il sistro, uno strumento musicale che emette un suono sferragliante quando viene scosso. Il santuario di Bastet si trovava a Bubastis (l'odierna Tell Basta), dove fu venerata in tutto l'Egitto fino al V secolo d.C.

Chief Mouser dell'Ufficio di Gabinetto

Churchill con un gatto
Churchill amava i gatti, il più famoso è stato Nelson, Chief Mouser del primo ministro durante la second aguerra mondiale

Il "Chief Mouser" (Capo acchiappatopi) è il gatto ufficiale del Primo Ministro del Regno Unito al 10 di Downing Street. Tecnicamente si tratta di molti gatti, dal 1515 (quando il Cardinale Wolsey mise il suo gatto al suo fianco mentre agiva in qualità di Lord Cancelliere) all'attuale Chief Mouser, Larry.

Uno dei più famosi Chief Mouser è stato Nelson, questo era un gatto che ha servito come Chief Mouser dell'Ufficio di Gabinetto durante il governo di coalizione del periodo bellico sotto Winston Churchill, contribuendo a suo modo allo sforzo bellico.

Era ungatto grigio di razza indefinita, Churchill vide per la prima volta Nelson scacciare un grosso cane dall'Ammiragliato. Colpito dal suo coraggio, adottò il gatto, dandogli il nome dell'ammiraglio britannico Horatio Nelson.

Quando Churchill divenne Primo Ministro nel maggio del 1940, Nelson si trasferì al numero 10 di Downing Street e divenne il Chief Mouser dell'Ufficio di Gabinetto, affiancando Munich Mouser. Nelson e Munich Mouser non si piacevano l'un l'altro e Nelson spesso cacciava Munich Mouser dal 10 di Downing Street.

Mimi e la leggenda dei gatti di Maria Antonietta

Maria antonietta
Maria Antonietta amava i gatti, e questi sono al centro di una curiosa leggenda

Maria Antonietta era nota per i suoi cani da compagnia, ma aveva anche sei gatti d'angora turchi molto viziati che vivevano con la regina francese durante il suo periodo a Versailles. Uno dei gatti più famosi del gruppo di felini del XVIII secolo si chiamava Mimi. Era così amata dalla regina che dormiva sul suo cuscino ogni notte e la accompagnava ovunque andasse. La leggenda narra che quando Maria Antonietta fu mandata in prigione in attesa dell'esecuzione, i suoi amati gatti d'angora si salvarono salpando su una nave per l'America, diventando poi gli antenati della razza Maine Coon.

Tabby la gatta della regina Vittoria

Abraham Lincoln
La gatta Tabby apaprtenuta alla reginavittoria era una vera e propria star a Buckingham Palace
a regina Vittoria (1819-1901) è stata la monarca britannica che ha regnato più a lungo nella storia, regnando per 63 anni, un record battuto dalla sua pronipote, la regina Elisabetta, nel 2015. Aveva anche un gatto di nome Tabby, che viveva con lei a Buckingham Palace. Tabby nacque nel 1887 e divenne uno dei preferiti della regina quando scoprì che il gatto si sedeva tranquillamente sul suo piede mentre lei lavorava alla sua scrivania. Secondo la leggenda, Tabby era molto popolare tra i visitatori di Buckingham Palace perché permetteva loro di prenderla in braccio e accarezzarla. La regina stessa a volte indossava dei guantini per poter prendere in braccio il suo amato soriano senza essere graffiata dai suoi artigli.

L

Tabby e Dixie, i gatti di Abraham Lincoln

Abraham Lincoln
Abraham Lincoln, amava e stimava enormemente i suoi gatti!

Tabby e Dixie, i gatti di Abraham Lincoln

Tabby e Dixie sono stati i primi gatti famosi ad abbellire la residenza della Casa Bianca. Si dice che il 16° presidente nutrisse il suo amato Tabby con una forchetta d'oro durante le cene alla Casa Bianca e che sostenesse che il suo altro gatto Dixie fosse più intelligente di tutto il suo gabinetto. La First Lady Mary Todd avrebbe detto che i gatti erano l'unico hobby del marito.

Il 16° Presidente degli Stati Uniti trovò grande conforto nei suoi gatti durante la sua difficile presidenza

Molte persone amano i gatti. La natura particolare dei felini e le loro caratteristiche dolci catturano molti cuori. Tra questi c'è anche l'ex Presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln, che era così amante dei gatti, tanto che una volta ne fece mangiare uno a tavola con gli ospiti durante un'importante cena alla Casa Bianca.

Sedicesimo presidente, Lincoln rimase in carica dal 1861 al 1865 prima di essere assassinato da John Wilkes Booth. Oltre a essere un pensatore pragmatico e uno statista strategico, era anche un amante degli animali.

Quando Lincoln assunse la presidenza, dovette fare la difficile scelta di abbandonare il suo amato cane di famiglia, Fido, e di affidarlo a degli amici. Lo fece perché Fido era un cane nervoso e non si trovava bene con i rumori forti o le grandi folle, rendendo il suo trasferimento a Washington D.C. un'impresa impossibile. Fortunatamente, Lincoln non rimase a lungo senza animali: il suo Segretario di Stato, William Sewell, gli regalò due gattini che il Presidente chiamò Tabby e Dixie.

Data la straordinaria pressione a cui Lincoln fu sottoposto durante la sua presidenza, mentre infuriava la Guerra Civile Americana, non sorprende che si sia fortemente affezionato ai suoi due gatti. Sebbene fosse noto che a volte portava i randagi in casa per dar loro da mangiare o giocare, Tabby e Dixie erano i suoi compagni più stretti. Il suo amico Caleb Carman una volta osservò che Lincoln si sedeva con uno dei gatti sulle ginocchia e "gli parlava per mezz'ora alla volta".

Ti potrebbe interessare:
7 cose che i gatti amano

Macak, la musa dell'infanzia di Nikola Tesla

Kikola Tesla
Macak il gatto posseduto in infamzia da Nikola Tesla, influenzò per sempre lo scienziato, indirizzandolo verso lo studio dell'elettricità

In una lettera del 1939 a un dodicenne, Tesla scrisse come il suo animale domestico d'infanzia, un gatto nero di nome Macak, gli avesse lasciato una fascinazione per tutta la vita per l'elettricità: "Nel crepuscolo della sera, mentre accarezzavo la schiena di Macak, vidi un miracolo che mi lasciò senza parole per lo stupore. La schiena di Macak era un lenzuolo di luce e la mia mano produceva una pioggia di scintille scoppiettanti tanto forte da essere udita in tutta la casa... Non posso esagerare l'effetto di questa notte meravigliosa sulla mia immaginazione infantile. Giorno dopo giorno mi sono chiesto: "Che cos'è l'elettricità?"".

Mtilda e Amleto: Algonquin Hotel

Algonquin Hotel
Dagli anni 30 12 gatti di nome Matilde e Amleto gestiscono l'Algonquin Hotel

Lo storico Algonquin Hotel, situato a Midtown Manhattan, ha ospitato in passato molte celebrità letterarie e teatrali. L'hotel ha la tradizione di avere un gatto che gestisce il posto. Dagli anni '30, 12 gatti famosi hanno chiamato l'Algonquin la loro casa, tutte le femmine di nome Matilda e tutti i maschi di nome Amleto. L'hotel organizza ogni estate una sfilata di moda felina, che nel 2018 è stata un'adozione di beneficenza per la Mayor's Alliance for NYC's Animals.

Algonquin Hotel e i gatti

Le camere sono spaziose e graziose, il bar della hall scuro e accogliente e la posizione di Midtown, a pochi passi da Bryant Park e Times Square, è perfetta. E non sono nemmeno le parti migliori, perché questo hotel ha un gatto residente!

L'Algonquin Hotel è un albergo ricco di storia. Questo storico hotel, che accetta animali domestici, ha un'eleganza d'altri tempi e un pedigree artistico-letterario: la scrittrice e spiritosa Dorothy Parker e l'attore John Barrymore erano tra i residenti e i frequentatori dell'hotel, e il gruppo di scrittori che pranzava regolarmente qui dal 1919 al 1929 era proprio quello che ha dato origine al termine circolo vizioso. Oggi, tuttavia, l'hotel ha un motivo completamente diverso per essere considerato un gattino.

L'Algonquin Hotel, che si dà il caso sia il più antico albergo ininterrottamente in attività di New York City con una storia che risale al 1902, ha una tradizione felina altrettanto venerabile: l'hotel ha ospitato una serie di "gatti Algonquin" dal 1923. Il primo fu un gatto randagio di nome Billy, che diede il via a una tradizione che dura tuttora. Per 15 anni Billy ha regnato sull'Algonquin e sembra che volesse un successore: appena due giorni dopo la sua scomparsa, un gatto randagio si aggirava per l'Algonquin; il sostituto di Billy si era autonominato e fu battezzato Rusty, anche se di lì a poco sarebbe stato ribattezzato Amleto in onore di John Barrymore, che all'epoca era un residente.

Nel corso degli anni l'hotel ha ospitato un totale di 12 gatti, tutti trovatelli salvati dai rifugi, in una stirpe che comprende sette Amleto e tre Matilde. I gatti hanno riscosso un grande successo tra gli ospiti e l'attuale Amleto non fa eccezione. Amleto VIII è arrivato in hotel dal rifugio Bide-a-wee lo scorso luglio ed è subentrato a settembre.

Se vi trovate nella Grande Mela, passate a salutarlo o, meglio ancora, prenotate una camera. Non solo vi accoglieranno, ma accoglieranno anche il vostro gatto, gratuitamente.

Palla di Neve, il gatto polidattilo di Ernest Hemingway

Algonquin Hotel
Ernest Hemingway: "Un gatto ha un'onestà emotiva assoluta. Gli esseri umani, per un motivo o per l'altro, possono nascondere i loro sentimenti, ma un gatto non lo fa."

Un capitano di mare regalò allo scrittore Ernest Hemingway un gatto polidattilo negli anni Trenta. Quel giorno iniziò la storia d'amore di Hemingway con i gatti a sei zampe: Collezionava polidattili nella sua casa di Key West. Gli discendenti di Snowball, il primo felino a sei dita di Hemingway, si aggirano ancora oggi nella tenuta di casa Hemingway a Key West, contando quasi 50 gatti.

Ernest Hemingway aveva molti gatti, ma il suo preferito era un Maine Coon polidattilo di nome Biancaneve. Amava così tanto la gatta che la portò con sé alla Finca Vigia a Cuba, dove visse dalla fine degli anni '40 fino alla sua morte nel 1961. La gatta lo seguiva per tutta la proprietà e si sedeva sulle sue ginocchia mentre lui scriveva a un tavolo in uno degli edifici annessi. Quando Hemingway usciva per pescare il marlin, uno sport che amava, Biancaneve a volte lo accompagnava. Biancaneve e altri gatti di Hemingway sono sopravvissuti ai loro discendenti, che oggi vivono a Cuba, in Spagna e a Key West.

Alcune curiosità sui gatti di Hemingway

I gatti di Hemingway hanno nomi creativi.

Il sito web della Casa e del Museo Hemingway riporta che Hemingway chiamò tutti i suoi gatti con nomi di personaggi famosi, una tradizione che i curatori continuano a portare avanti. Nel corso degli anni, i gatti sono stati chiamati con nomi diversi, da Zane Grey e Marilyn Monroe al presidente "Hairy" Truman, Fats Waller, Kermit "Shine" Forbes, Truman Capote, Bugsy Siegel, Billie Holiday e Cary Grant. La guida Jessica Pita ha detto al conduttore radiofonico Arden Moore che i dipendenti votano i nomi.

Tutti i gatti della casa di Hemingway sono nati lì.

Tutti i gatti della tenuta sono nati lì. Per controllare la popolazione, ogni femmina può avere una sola cucciolata. Sono costantemente presenti tra i 40 e i 50 mici. Quando Hemingway vivaenella tenuta qui, la popolazione era ben superiore. A volte si parla di oltre 70, 80 gatti.

I gatti di Hemingway ricevono controlli annuali.

Chi è preoccupato per il benessere dei gatti non deve preoccuparsi: sono ben curati. Infatti, il loro veterinario, la dottoressa Edie Clark, va al museo una volta alla settimana per controllare i gatti ed eseguire procedure di routine come il trattamento degli acari dell'orecchio, lo spruzzo delle pulci e la sverminazione, oltre alle vaccinazioni annuali.

I gatti di Hemingway sono stati oggetto di una denuncia federale.

La battaglia, durata cinque anni, è iniziata nel 2003, dopo che un visitatore, preoccupato per il benessere dei gatti, ha presentato un reclamo al governo federale, secondo quanto riportato dalla NPR. L'USDA ha sostenuto che il museo esponeva i gatti senza la licenza appropriata (che non avrebbe comunque potuto ottenere, poiché la licenza richiede che gli animali siano rinchiusi). I dipendenti della Casa di Hemingway hanno affermato che l'USDA ha inviato agenti sotto copertura per "fingersi turisti, scattare foto e registrare di nascosto i gatti", secondo quanto riportato dalla CBS.

L'agenzia ha minacciato di multare il museo con una multa di 200 dollari al giorno per ogni gatto (o 10.000 dollari) o di rimuovere i gatti dalla struttura, e il museo ha chiesto l'intervento di un tribunale federale. Alla fine, un comportamentista animale non affiliato al museo o all'USDA ha suggerito che i gatti, che sembravano essere ben curati, potessero rimanere a patto di installare una speciale recinzione. Il museo accettò e i gatti poterono rimanere.

Uno dei gatti di Hemingway è stato "imprigionato".

Nel 2016, Martha Gellhorn - non la corrispondente di guerra che fu la terza moglie di Hemingway, ma il soriano grigio che portava il suo nome - ha morso un turista (che a quanto pare non sapeva decifrare il linguaggio del corpo dei gatti) e si è ritrovata dietro le sbarre nell'ufficio del veterinario. "Era la prima volta in assoluto e la donna era aggressiva con il gatto", ha dichiarato il gestore della casa al Miami Herald. "Sono animali domestici. Abbiamo 32 dipendenti che li considerano animali domestici per cinque giorni alla settimana". Dopo una quarantena di 10 giorni, Martha è stata restituita al museo. I suoi carcerieri l'avevano definita "un tesoro".

I gatti di Hemingway sono sopravvissuti all'uragano Irma.

Quando l'uragano Irma si è avvicinato alle isole nel 2017 è stata ordinata l'evacuazione completa delle Florida Keys, ma 10 dipendenti hanno insistito per rimanere indietro con i gatti. I gatti sono stati custoditi all'interno della dimora e hanno superato indenni l'uragano.

I gatti di Hemingway riposano sul terreno del museo.

Secondo l'Herald-Tribune, quando i gatti di Hemingway muoiono, vengono deposti nei giardini dietro la casa. I luoghi di sepoltura sono contrassegnati da lapidi di cemento con incisi in modo grossolano i nomi dei felini deceduti, alcuni dei quali portano il nome di celebrità: Willard Scott, morto a 12 anni nel 1988; Kim Novak, che aveva 22 anni quando è morta nel 1997; e Gremlin (1986-2005).

Oscar, conosciuto come "Unsinkable Sam" (Sam inaffondabile)

Unsinkable Sam
Oscar conosciuto come Unsinkable Sam (Sam l'inaffondabile) prestò "Servizio" nella Royal Navy durante la second aguerra mondiale

A proposito di gatti famosi fortunati: Tra maggio e novembre del 1941, un gatto bianco e nero sarebbe sopravvissuto a tre gravi naufragi. Il primo fu quello della corazzata tedesca Bismarck, affondata dagli inglesi a maggio. I membri della Royal Navy britannica lo trovarono che galleggiava su una tavola, lo accolsero e lo chiamarono Oscar. Il cacciatorpediniere britannico HMS Cossack affondò in ottobre e la portaerei britannica HMS Ark Royal fu silurata in novembre. Oscar visse il resto dei suoi giorni nel Regno Unito.

Non sappiamo se la storia sia vera o meno, ma per ora la prendiamo così com'è. Prendetela come volete: come una leggenda, un mito o la pura realtà. La storia è vera, per quanto possa esserlo una storia di questo tipo.

Secondo la storia, l'inaffondabile Sam sopravvisse alla distruzione di tre navi da guerra durante la Seconda Guerra Mondiale e visse felicemente fino al 1955. Un ritratto a pastello di Sam (intitolato "Oscar, il gatto della Bismarck") dell'artista Georgina Shaw-Baker è in possesso del National Maritime Museum di Greenwich.

Per quanto riguarda l'eredità di Sam, è la dimostrazione che anche nelle circostanze più terribili, anche se tutto intorno a te sta crollando, puoi aggrapparti a un pezzo di legno, salvarti e passare a un'altra nave e ricominciare da capo. Oppure dimostra che i gatti hanno davvero 9 vite, tutte assolutamente degne di essere vissute.

Aula 8: il gatto che andava a scuola

Aula 8
Camera 8 o Aula divenne una celebrità in California durante gli anni '50

Nel 1952, un gatto di quartiere entrò nell'aula 8 della scuola elementare di Elysian Heights, in California. I bambini lo amarono così tanto che gli diedero il nome della loro classe. La Aula 8 viveva nella scuola ogni anno durante l'anno scolastico e poi spariva per l'estate, per poi tornare alla ripresa delle lezioni. Fino alla sua morte, avvenuta a metà degli anni '60, riceveva fino a 100 lettere al giorno indirizzate alla scuola.

Félicette, il primo gatto nello spazio

Félicette
Félicette, il primo gatto nello spazio, e tornata sulla terra sana e salva.

Félicette era una gatta francese ed è il primo e unico gatto sopravvissuto ai voli spaziali. È diventata la prima creatura a sopravvivere al volo spaziale quando è stata lanciata nello spazio nel 1963.. Space.com riporta che gli scienziati francesi volevano capire come la mancanza di gravità avrebbe influenzato gli animali e cosa sarebbe successo agli esseri umani. Alla fine, Félicette fu scelta per la missione rispetto ad altri 13 gatti in addestramento, in parte per il suo carattere calmo.

All'epoca, la Francia era in competizione con la Russia e gli Stati Uniti per costruire un programma spaziale di successo e acquisire influenza politica in tutto il mondo. La missione di Félicette nello spazio faceva parte di questo sforzo. Il gatto fu posto all'interno di una capsula speciale con sensori attaccati al suo corpo per registrare la frequenza cardiaca, la respirazione e altre funzioni corporee. Félicette è sopravvissuta al viaggio ed è tornata sana e salva sulla Terra. Il suo lancio la rese immediatamente una celebrità in Francia! Félicette morì nel 1967 e fu sepolta nel cortile della sede dell'Agenzia spaziale francese vicino a Parigi, dove era stata addestrata per il suo storico volo. Sulla sua lapide si legge "il primo gatto nello spazio".

Scarlett, una madre eroica

Scarlett gatta
Scarlett riuscì a salvare i suoi cinque gattini da un incendio, nella foto poco dopo l'incendio ferita, ma in compagnia dei suoi micetti.

Forse la più altruista tra i gatti famosi del nostro elenco, Scarlett era una mamma gatta che ha salvato uno per uno i suoi cinque gattini da un incendio a Brooklyn nel 1996. Nel corso dell'operazione ha riportato ustioni e ha avuto problemi di salute per il resto della sua vita. Il pompiere che la salvò le diede il nome di Scarlett.

Creme Puff, il gatto più vecchio mai registrato

Creme Puff di Austi
Creme Puff di Austin in Texa ha raggiunto l'icredibile età di 38 anni!

Creme Puff di Austin, in Texas, aveva 38 anni e 3 giorni quando è morta nel 2005, il gatto più vecchio mai registrato, secondo il Guinness dei primati 2010. Suo fratello felino aveva 34 anni quando è morto. Pare che il proprietario dei gatti, Jake Perry, li nutrisse con una dieta insolita a base di uova e pancetta di tacchino, asparagi, broccoli e caffè con panna pesante, tra le altre cose.

Tama, il capostazione giapponese

Tama gatta capostazione
Tama, una femmina calica giapponese divenne una celibrità in Giappone, e ricevette il titolo di Capostazione di Kishi a Wakayama.

La femmina di calico Tama è diventata famosa come capostazione della stazione di Kishi a Wakayama, in Giappone. Nel 2007, i funzionari delle ferrovie le hanno conferito il titolo di capostazione, con il compito principale di accogliere i passeggeri. Al posto di uno stipendio annuale, le ferrovie hanno fornito a Tama un anno di cibo per gatti, una targhetta d'oro per il collare con il suo nome e la sua posizione e un cappello da capostazione appositamente progettato e realizzato per lei. Uno studio ha stimato che la pubblicità di Tama ha contribuito all'economia locale per 1,1 miliardi di yen. È deceduta nel 2015.

Stubbs, il sindaco in carica di Talkeetna, Alaska

Stubbs gatto sindaco
Stubbs il compianto sindaco Talkeetna, in Alaska.

Quando un gattino soriano arancione con la coda mozza fu trovato nel quartiere storico di Talkeetna, in Alaska, nessuno poteva immaginare che avrebbe ricoperto il ruolo di sindaco per i successivi 20 anni. Stubbs è stato eletto in seguito a una campagna elettorale scritta dagli elettori che si sono opposti ai candidati umani. Il negozio generale della città fu utilizzato come "ufficio del sindaco" durante il suo mandato. Secondo quanto riferito, attirava 30-40 turisti al giorno e ogni pomeriggio si recava in un ristorante vicino e beveva acqua carica di erba gatta da un bicchiere di vino o di margarita. Stubbs è morto nel 2017.

In conclusione

Chiunque possieda un gatto sa che questi splendidi felini sono un po' speciali, I gatti qui sopra elencati hanno avuto un impatto sul mondo in cui viviamo, in un modo o nell'altro. Possiamo ammirarli per la loro fama, ma, in ultima analisi, non si tratta piuttosto di ciò che ogni gatto ha fatto per i suoi umani? Come, per ogni gatto famoso qui nominato, il legame tra loro e i loro umani è stato così forte? È questo tipo di fedeltà e di amore che dura nel tempo che dovremmo trarre da questi storici felini.

Ti potrebbero interessare