10 errori da non commettere come allevatore di pesci rossi

di Fabiana Valentini 889 visite

Tutti vorremmo essere i migliori allevatori di pesci rossi possibili per i nostri amici acquatici e teniamo molto ai nostri pesci rossi e a garantire loro la vita più felice e sana. Sebbene ci siano persone che scelgono di ignorare volontariamente il corretto allevamento dei pesci rossi, la maggior parte delle persone si preoccupa davvero e commette involontariamente degli errori che sono estremamente comuni tra gli allevatori di pesci rossi nuovi e inesperti.

Se avete a che fare con un pesce malato o state cercando di rimediare a un errore commesso, può essere facile prendersela con voi stessi, ma non è necessario! Siete qui per ottenere informazioni ed educazione, dimostrando di voler fare ciò che è meglio per i vostri pesci rossi.

Fate un bel respiro!

Tutti commettiamo errori. Non solo, ma tutti dobbiamo iniziare da qualche parte, ma non tutti partono dallo stesso punto. Se il vostro amico non ha commesso i vostri stessi errori, non significa che uno di voi due sia un allevatore di pesci rossi migliore dell'altro. Significa solo che entrambi avevate punti di partenza diversi, con livelli di conoscenza di base diversi.

Gli errori che voi avete evitato di commettere potrebbero benissimo essere gli errori con cui il vostro amico ha a che fare. Il meglio che possiamo fare per i nostri pesci rossi è sostenerci e sostenerci a vicenda, fornendo correzioni gentili e informazioni sicure per aiutare tutti noi a essere i migliori allevatori di pesci rossi possibili. Per aiutarvi a evitare alcuni degli errori più comuni commessi dagli allevatori di pesci rossi, continuate a leggere!

10 errori comuni nell'allevamento dei pesci rossi:

1) Non attendere la maturazione dell'acquario

Questo è l'errore più comune che si commette quando si tratta di allevare un pesce rosso o qualsiasi altro pesce. La maggior parte delle persone è abituata alla semplicità di andare al negozio, comprare una vasca o un acquario e qualche pesce e portare tutto a casa per iniziare. La scienza ci ha insegnato che questo non consente un corretto ciclo dell'acquario.

Il ciclo dell'acquario è il processo di creazione di colonie di batteri benefici all'interno dell'acquario. Queste colonie vivono nel filtro, nel substrato e in molte altre superfici della vasca dove scorre l'acqua. I batteri benefici consumano ammoniaca e nitriti, che sono prodotti di scarto dei pesci e della materia organica in decomposizione, e li convertono in nitrati. Il nitrato è il prodotto finale del ciclo dell'azoto ed è il motivo principale per cui si effettuano i cambi d'acqua in un acquario (per saperne di più). Anche le piante contribuiscono a ridurre i livelli di nitrati in vasca, utilizzandoli come fertilizzanti per la crescita.

È possibile eseguire un ciclo fish-in, ovvero con i pesci già in vasca mentre si effettua il ciclo. Tuttavia, questa soluzione è tutt'altro che ideale. La parte principale dell'esecuzione di un ciclo in vasca consiste nel permettere che i livelli di ammoniaca diventino tali da consentire ai batteri benefici di consumare energia, crescita e riproduzione.

Sia l'ammoniaca che i nitriti possono essere dannosi per i pesci, temporaneamente o permanentemente, e i livelli ideali di ammoniaca e nitriti per una vasca in cui vivono dei pesci sono pari a zero. Come si può immaginare, questo rende difficile eseguire in sicurezza un ciclo di inserimento dei pesci. Esistono prodotti che contengono batteri benefici in bottiglia, che possono aiutare a far ripartire il ciclo della vasca. Tuttavia, questi prodotti non sostituiscono adeguatamente l'esecuzione di un ciclo in vasca.

Il ciclo della vasca, con o senza pesci, può durare da giorni a mesi, a seconda di diversi fattori. È un processo che richiede pazienza e diligenza, soprattutto se nella vasca vivono dei pesci.

2) Filtrare poco la vasca: filtraggio inadeguato

I pesci rossi sono produttori di bioload estremamente elevato! Un singolo pesce rosso adulto produce più rifiuti di 10 tetra ember. C'è un errore che molte persone commettono quando scelgono il filtraggio della vasca, ed è facile capire perché.

Se avete un acquario da 55 galloni e vedete un filtro indicato per un acquario da 50 galloni, potreste pensare "quasi". Quando si tratta di produttori a basso carico biologico, probabilmente avete ragione. Quando si tratta di pesci rossi, sicuramente non avete ragione. Se avete uno o due pesci rossi in una vasca, allora la vostra vasca dovrebbe avere un filtro adatto alle dimensioni della vasca. Se avete un acquario sovraffollato, allora avete bisogno di un filtro adatto a una vasca più grande di quella che avete.

Con i pesci rossi, è consigliabile avere un filtro potente, come un filtro HOB o a tanica, insieme a un filtro che offre più spazio ai batteri benefici, come un filtro a spugna. Quasi certamente non si potrà sovra-filtrare la vasca, ma si può facilmente sotto-filtrare! Una corretta filtrazione rimuove i prodotti di scarto visibili e microscopici, oltre a colonizzare i batteri benefici e ad aerare l'acqua della vasca. Quando si tratta di sottofiltrare la vasca, non fatelo. Ve ne pentirete!

Copre tutto quello che c'è da sapere sulla creazione della vasca ideale, sulla cura dei pesci rossi e molto altro ancora!

3) Manutenzione sbagliata della vasca

Una volta che la vasca è stata ciclata e i pesci rossi si sono ambientati, si può pensare che sia giusto fare i cambi d'acqua ogni due mesi o addirittura un paio di volte all'anno. Ricordate il ciclo dell'azoto? I nitrati si accumulano nella vasca e i normali materiali filtranti non sono in grado di rimuoverli. Un acquario normale e in fase di ciclo avrà alcuni nitrati: fino a 20 ppm sono generalmente considerati sicuri, ma alcuni ritengono che fino a 40 ppm lo siano.

Se non si effettuano cambi d'acqua e non si hanno centinaia di piante in vasca, è probabile che i nitrati non vadano da nessuna parte. Ciò significa che continueranno ad accumularsi, a scapito degli abitanti della vasca. I cambi d'acqua di routine contribuiranno a rimuovere i nitrati in eccesso.

Un altro problema legato all'eccesso di nitrati in vasca? Le alghe! Le alghe sono un tipo di pianta, quindi assorbono i nitrati dall'acqua per crescere. In una vasca ben equilibrata, le piante assorbono la maggior parte dei nitrati e i cambi d'acqua si occupano del resto. Se però non rimuovete i nitrati in eccesso, le alghe possono insediarsi nella vasca consumando i nitrati che le piante non utilizzano.

4) Non informarsi a sufficienza sulle esigenze dei pesci rossi

Se avete avuto dei pesci da piccoli, probabilmente avete vissuto l'esperienza di stare in piedi nelle corsie del negozio di animali, scegliere le decorazioni della vasca, prendere del cibo per pesci e un riscaldatore e tornare a casa per sistemare il vostro nuovo pesce rosso. Molti non si rendono conto delle esigenze specifiche dei pesci rossi.

L'errore più comune che si commette è quello di tenere i pesci rossi in vasche o ciotole riscaldate. I pesci rossi sono pesci d'acqua dolce, il che significa che se la loro casa si trova in un ambiente a clima controllato, come il vostro salotto dotato di aria condizionata e riscaldamento, probabilmente non avranno bisogno di un riscaldatore. Non è sempre così, ma è vero per la maggior parte delle case. Mantenere i pesci rossi in acqua calda non sembra un grosso problema e, in apparenza, non lo è. Ciò di cui potreste non rendervi conto è l'impatto negativo che sta avendo sui vostri pesci rossi fino a quando non sarà troppo tardi.

Mantenere i pesci rossi in ambienti con acqua calda può ridurre la loro aspettativa di vita, a volte di anni o decenni. Garantire una temperatura adeguata alla vasca dei pesci rossi è un fattore importante per assicurarne la sopravvivenza a lungo.

Un'altra cosa di cui forse non vi rendete conto è che alcuni pesci rossi, in particolare i fanciulli, non si trovano bene con decorazioni che presentano bordi taglienti o frastagliati. Queste aree ruvide possono intaccare e lacerare le delicate pinne, aprendo vie per infezioni e stress.

Il substrato scelto per i pesci rossi è un altro aspetto da considerare quando si inizia. La maggior parte delle persone si limita a prendere un sacchetto di ghiaia e a fare finta di niente, ma è noto che i pesci rossi si incastrano la ghiaia in bocca. Questo può richiedere l'intervento umano per essere rimosso e può persino portare a lesioni o alla morte del pesce. Un substrato fine, come la sabbia, o un substrato più grande, come grossi ciottoli o sassi di fiume, sono spesso più sicuri per i pesci rossi, poiché il rischio di rimanere incastrati è molto minore. Alcune persone preferiscono addirittura non avere un substrato per i loro pesci rossi.

5) Temperatura sbagliata dell'acqua

Il pesce rosso è un pesce d'acqua fredda e le temperature elevate possono causare danni ai nervi del pesce rosso..

Inoltre, alcuni pesci rossi, come i pesci rossi fantail, sono sensibili all'acqua molto fredda..

La temperatura ideale per i pesci rossi va dai 16 ai 23 gradi Celsius..

È necessario mantenere la temperatura ideale dell'acqua per i pesci rossi per una crescita corretta..

Se vivete in una regione fredda, potete utilizzare un riscaldatore per mantenere la temperatura ideale dell'acqua. Verificate il nostro riscaldatore consigliato..

Se la temperatura dell'acqua del vostro acquario è elevata, ci sono diversi modi per ridurla..

Modi per ridurre la temperatura dell'acqua

  • Innanzitutto, spegnete le luci dell'acquario e rimuovete il coperchio.
  • Poi accendete il ventilatore a soffitto o mettete un ventilatore da tavolo vicino all'acquario in modo che l'aria soffi sulla superficie dell'acqua.
  • Potete anche mettere qualche cubetto di ghiaccio in un sacchetto con chiusura a zip e appenderlo all'interno dell'acquario per abbassare la temperatura dell'acqua.
  • Se l'acquario è esposto direttamente ai raggi del sole, è bene spostarlo in un luogo dove non sia esposto direttamente ai raggi solari.
  • Inoltre, se l'acquario si trova in una stanza dove c'è molta luce solare, anche questo può aumentare la temperatura dell'acquario. È quindi consigliabile collocare l'acquario in una stanza dove non c'è la luce del sole o comunque ce n'è poca.

6) Scelta di compagni di vasca incompatibili

Quando si tratta di scegliere i pesci, molte persone utilizzano il metodo "vai al negozio, scegli i pesci". Ciò che finisce per accadere è che le persone scelgono i pesci in base all'aspetto e non considerano le esigenze specifiche di ciascuna specie. Così, se si va al negozio e si scelgono pesci rossi e pesci tropicali d'acqua dolce, come i pesci angelo, una delle due specie vivrà con parametri dell'acqua non ottimali, perché i pesci rossi preferiscono l'acqua fresca e i pesci angelo l'acqua calda.

Alcune persone acquistano pesci betta e pesci rossi, senza rendersi conto dello stress e del pericolo a cui sono sottoposti entrambi i pesci, che spesso portano all'aggressione e alla morte. Un altro errore comune con i pesci rossi è quello di scegliere compagni di vasca piccoli. Le preferenze ambientali dei pesci rossi e dei guppy si incrociano, ma i pesci rossi mangiano quasi tutto ciò che entra nella loro bocca. Questo include gli avannotti di guppy e persino i guppy adulti.

Alcuni sostengono che i pesci rossi non possono essere tenuti in una vasca con altri pesci a causa della loro sporcizia. Fortunatamente questo non è vero. Esistono compagni di vasca adatti ai pesci rossi, tra cui grandi lumache, come le mystery snails, e altri pesci d'acqua dolce, come i dojo loaches. Tuttavia, è necessario prestare attenzione quando si scelgono i compagni di vasca per i pesci rossi. La scelta di compagni di vasca inadeguati potrebbe portare a un colpo di fulmine per voi e a uno stress per i vostri pesci che sopravvivono.

7) Sovrappopolare dell'acquario

Questo è un argomento difficile, perché per tanto tempo ci è stato detto che ci sono "regole" relative alle dimensioni della vasca in cui un pesce rosso dovrebbe essere tenuto. Onestamente, non ci sono regole ferree, ma ci sono delle considerazioni sulle dimensioni. I pesci rossi producono ormoni che vengono rilasciati nell'acqua e bloccano la crescita, motivo per cui molte persone credono che i pesci rossi non superino il loro ambiente. Questo è in qualche modo vero, ma non è del tutto vero.

Se andate al negozio e comprate otto pesci rossi di 2 pollici per la vostra vasca da 10 galloni, avete riempito troppo la vasca, anche se sono ancora tutti piccoli. Cresceranno e, anche con un arresto della crescita, potrebbero trovarsi a disagio o sentire il bisogno di competere per le risorse. Un acquario sovraffollato è assolutamente fattibile in modo sano e sicuro. Richiede solo una maggiore pianificazione e una maggiore dedizione alla manutenzione ordinaria della vasca per mantenere la qualità e la salute dell'acqua. Esiste però una vasca veramente sovraffollata, quindi assicuratevi che i vostri pesci rossi e gli altri abitanti della vasca abbiano lo spazio necessario per sentirsi al sicuro e a proprio agio e che tutti possano avere uguale accesso alle risorse, come il cibo.

8) Decisioni alimentari sbagliate

Come tutti gli animali, anche i pesci rossi hanno bisogno di una dieta equilibrata e nutrizionalmente corretta. La base migliore per la dieta del vostro pesce rosso è il cibo commerciale per pesci rossi, perché è stato progettato per soddisfare le loro esigenze di micronutrienti. Ciò che questi alimenti non fanno è fornire varietà o equilibrio. Inoltre, forniscono il minimo indispensabile di nutrimento, ma non sono necessariamente sazianti. In natura, i pesci rossi e le loro cugine, le carpe prussiane, si nutrono tutto il giorno di piante acquatiche e di piccoli animali che incontrano, come i gamberetti d'acqua dolce. Come potete immaginare, il cibo in pellet due volte al giorno non sazia il vostro pesce rosso come il pascolo.

Idealmente, la base alimentare del vostro pesce rosso dovrebbe essere costituita da pellet. I fiocchi sono una buona alternativa, ma tendono a contenere più riempitivi e meno nutrienti dei pellet. Altre opzioni alimentari da includere di routine nella dieta del pesce rosso sono gli alimenti in gel, gli alimenti liofilizzati, gli alimenti congelati e gli alimenti vivi. L'ideale è che il pesce rosso abbia sempre accesso a frutta e verdura fresche. Le opzioni migliori sono le verdure a foglia verde, come la lattuga romana, gli spinaci, la rucola e le erbe aromatiche, ma possono anche mangiare zucchine, zucca, cetrioli, broccoli, cavoletti di Bruxelles, banane, fragole e mele. Idealmente, gli alimenti ad alto contenuto di zuccheri, come la frutta, e quelli ad alto contenuto proteico, come i vermi sanguigni, dovrebbero essere somministrati con parsimonia e solo come bocconcino per prevenire problemi digestivi e alla vescica natatoria.

Le alghe non sono solo antiestetiche. Possono crescere fino al punto in cui iniziano a competere con le altre piante, soffocandole con il consumo di tutti i nutrienti.

9) Trattamento vs. prevenzione:

Volete sapere un segreto non tanto segreto? La prima causa di malattia dei pesci rossi è la scarsa qualità dell'acqua!

Spesso si commette l'errore di vedere i propri pesci rossi con sintomi di malattia e di somministrare loro dei farmaci. Tuttavia, se i parametri dell'acqua sono sballati e la qualità dell'acqua è scarsa, il trattamento non serve a nulla. In realtà, non si fa altro che aggiungere un fattore di stress a un ambiente già di per sé stressante. Alcuni pesci rossi malati non sopravvivono nemmeno al trattamento con farmaci, quindi esporli a questo ulteriore stress durante un periodo di malattia che può essere trattato con un semplice cambio d'acqua o un trattamento dell'acqua può fare più male che bene.

È inoltre estremamente importante tenere presente che esistono batteri resistenti ai farmaci. Se iniziate a somministrare ai vostri pesci rossi antibiotici di cui non hanno bisogno o non completate un ciclo di trattamento dopo averlo iniziato, aumentate il rischio di resistenza agli antibiotici. Le infezioni resistenti agli antibiotici sono estremamente difficili da trattare e, anche se il pesce muore, potrebbe essere difficile eliminare l'organismo infettivo dalla vasca. Il miglior trattamento per le malattie dei pesci rossi non è affatto il trattamento, ma la prevenzione.

10) Sostituzione dei materiali filtranti

Se leggete le istruzioni in dotazione con il vostro filtro, probabilmente vedrete che il produttore raccomanda di sostituire i materiali filtranti o le cartucce ogni poche settimane. I detentori diligenti di pesci rossi di solito si attengono a questa raccomandazione, interrompendo involontariamente il ciclo della vasca ogni volta. Ricordate che i batteri benefici vivono nel filtro e nel materiale filtrante della vasca. Ciò significa che ogni volta che si sostituisce la cartuccia del filtro, si rimuove una buona parte dei batteri benefici.

Onestamente, i materiali filtranti dovrebbero essere sostituiti raramente. Quando si effettuano i cambi d'acqua, è buona norma risciacquare il filtro in acqua sporca per rimuovere la "sporcizia" senza uccidere i batteri benefici. Se si sciacquano i materiali filtranti nel lavello della cucina con acqua calda, si uccidono i batteri benefici.

Gli allevatori di pesci rossi più esperti consigliano di sostituire le cartucce filtranti con spugne filtranti di lunga durata e anelli o perle di ceramica che si possono sciacquare di tanto in tanto senza sostituirle. Questo vi aiuterà a ottenere il massimo in termini di costi e vi garantirà che non stiate esaurendo il vostro ciclo ogni poche settimane.

Per concludere

È estremamente facile commettere errori come allevatore di pesci rossi. Un allevamento corretto richiede molte conoscenze e molta pratica, che possono richiedere tempo. Non abbattetevi se vi accorgete di aver commesso un errore. Fate tesoro della lezione, rimediate al problema e andate avanti. Questa non è solo la cosa migliore che possiate fare per la vostra salute mentale ed emotiva, ma è anche la cosa migliore che possiate fare per i vostri pesci rossi e per la comunità di allevatori di pesci rossi che vi circonda.

Ti potrebbero interessare