Il cane può mangare l'uva? E' pericoloso?

di Fabiana Valentini 738 visite

Prevenzione e Salute: Cosa Fare Se il Tuo Cane Ingerisce Uva

Diciamolo subito: l'uva e l'uvetta sono altamente tossiche per i cani, questo avviene indipendentemente dalla razza, dalla taglia, e dall'età del cane.

Non esiste una quantità di uva che il cane possa consumare in sicurezza, semplicemente i cani non possono consumare l'uva, neanche un singolo acino.

Ma perchè questo avviene? Quali sono i rischi e i sintomi a cui i nostri amici a quattro zampe vanno incontro se consumano uva? Scopriamolo insieme.

Contenuto articolo

Perché l'uva è tossica per i cani?

Come abbiamo detto, l'uva è tossica per i cani e i danni che provoca colpiscono principalmente i reni dell'animale. Non è raro, infatti, che il consumo dell'uva possa portare ad insufficienza renale e anche alla morte.

Non si sa quale sia l'esatta sostanza contenuta nell'uva ad essere tossica, ma sappiamo che i cani non sono capaci di metabolizzare i tannini, i flavonoidi e i monosaccaridi presenti nell'uva.

Proprio questa incapacità del cane a metabolizzare certi elementi potrebbe essere la causa dell'altra tossicità dell'uva per i nostri amici scodinzolanti.

Non ci sono "tipi di uva" sicuri, che si tratti di uva cotta, senza semi, essiccata o fresca, questo frutto è tossico e va considerato un veleno per il cane.

Cosa fare se il cane mangia dell'uva?

Non esiste una quantità minima di uva che possa essere tollerata, anche dosi minime possono essere tossiche, quantità di 8 grammi di uva per chilo di peso del cane sono capaci di causare vari sintomi.

Quindi, anche in caso il cane consumi solo piccole quantità di uva, va avvisato il veterinario immediatamente. Se si è tempestivi il veterinario può indurre il vomito nel cane e evitare problemi seri, anche fatali, nel brevissimo periodo. Vanno monitorati sintomi come aumento della pressione sanguigna, nausea e vomito.

Se ne si è capaci si può indurre il vomito nel cane, ma se questo, a seguito del vomito, mostra ancora segni di sofferenza, è necessario recarsi subito dal veterinario.

Bisogna tenere a mente che non esiste un antidoto all'avvelenamento da uva, quindi la tempestività delle cure è essenziale. Oltre all'induzione del vomito il veterinario può anche somministrare al cane del carbone attivo per ridurre l'assorbimento delle tossine.

Sintomi dell'avvelenamento da uva nei cani?

I sintomi acuti sono immediatamente percepibili e si manifestano entro 24 ore dall'ingestione dell'uva, tra i segni premonitori segnaliamo la perdita di appetito e la debolezza.

Dopo le 24 ore fanno la loro comparsa i sintomi che indicano una grave insufficienza renale, il cane può riscontrare forti dolori addominali, nausea, vomito e alito uremico. Come se tutto questo non bastasse ecco quali altri sintomi ci si può aspettare a seguito di un avvelenamento da uva (in ordine alfabetico e non di comparsa):

  • Anoressia
  • Anuria
  • Aumento della sete
  • Coma
  • Crisi epilettiche
  • Diarrea
  • Disidratazione
  • Letargia
  • Minzione eccessiva
  • Oliguria
  • Ulcere alla bocca
  • Vomito

Quindi se si sospetta che il cane abbia ingerito dell'uva e si riscontrano uno o più sintomi tra quelli indicati, bisogna recarsi immediatamente dal veterinario per iniziare le cure appropriate.

Come prevenire avvelenamento da uva del cane

Essere consci del pericolo è la migliore forma di prevenzione: ricordati che uva, uvetta, ribes e loro varianti non devono essere somministrate mai ai cani. Bisogna evitare anche prodotti derivati o che contengono questi frutti (pane all'uvetta, succhi d'uva,marmellata d'uva ecc...).

Quindi per evitare problemi assicurarsi che tali frutti e prodotti siano riposti e non accessibili ai cani e che tutti i membri della famiglia, anche i più piccoli, conoscano il rischio della tossicità dell'uva per i cani.

Assicurati anche che eventuali ospiti se a tavola è presente dell'uva sappiano che non la devono condividere in alcun modo con i membri quadrupedi della famiglia!

Cronologia aggiornamenti

  • 7 novembre 2023 Pubblicato l'articolo che risponde alla domanda: Perchè l'uva fa male al cane

Domande frequenti

Un singolo chicco d'uva può essere nocivo per il cane?

Anche il consumo di un singolo acino d'uva o di un'uvetta può essere fatale. La loro ingestione può potenzialmente portare a un'insufficienza renale acuta nei cani.

Quali frutti non fanno bene ai cani?

  • Avocado. Questo frutto contiene persina, una tossina che fa vomitare i cani e fa venire la diarrea, alcuni studi ultimamente hanno messo in discussione la sua tossicità.
  • Ciliegie. Il problema non è la ciliegia in sé, ma i noccioli che contengono cianuro.
  • Pomodori. Le parti verdi della pianta di pomodoro contengono solanina, che è tossica per i cani.
  • Uva. Come detto l'uva può causare insufficienza renale nei cani.
Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Commenti

Hai dubbi o domande? Vuoi condividerela tua opinione? Scrivici!

Ho letto la Privacy Policy e accetto l’invio di informazioni commerciali tramite email.

Ti potrebbero interessare