Prendersi cura di un gatto anziano

di Fabiana Valentini 1298 visite

Così come le persone vivono più a lungo rispetto al passato, anche i gatti vivono più a lungo. In effetti, la percentuale di gatti di età superiore ai sei anni è quasi raddoppiata in poco più di un decennio e c'è da aspettarsi che la popolazione di gatti "anziani" continuerà a crescere.

Ma quanti anni ha davvero il mio gatto?

I gatti sono individui e, come le persone, vivono l'avanzare dell'età in modo unico. Molti gatti iniziano a subire i cambiamenti fisici legati all'età tra i sette e i dieci anni, e la maggior parte lo fa entro i 12 anni. La convinzione comunemente diffusa che ogni "anno del gatto" valga sette "anni umani" non è del tutto esatta. In realtà, un gatto di un anno è fisiologicamente simile a un umano di 16 anni e un gatto di due anni è come una persona di 21 anni. Per ogni anno successivo, ogni anno di gatto vale circa quattro anni umani. Utilizzando questa formula, un gatto di dieci anni è simile per età a una persona di 53 anni, un gatto di 12 anni a una persona di 61 anni e un gatto di 15 anni a una persona di 73 anni.

Se vuoi approfondire l'età del tuo gatto leggi:Quanti anni ha il tuo gatto in anni umani?

L'avanzare dell'età non è una malattia

L'invecchiamento è un processo naturale. Sebbene molti cambiamenti fisici complessi accompagnino l'avanzare degli anni, l'età in sé non è una malattia. Anche se molte condizioni che colpiscono i gatti anziani non sono correggibili, spesso possono essere controllate. La chiave per assicurarsi che il gatto anziano abbia una vita il più possibile sana e di qualità è riconoscere e ridurre i fattori di rischio per la salute, individuare le malattie il più precocemente possibile, correggere o ritardare la progressione della malattia e migliorare o mantenere la salute dei sistemi del corpo.

Cosa succede quando il mio gatto invecchia?

Il processo di invecchiamento è accompagnato da molti cambiamenti fisici:

  • Gli artigli dei gatti anziani sono spesso troppo cresciuti, spessi e fragili.
  • I gatti anziani si puliscono in modo meno efficace rispetto ai gatti più giovani, causando a volte la formazione di tappeti di pelo, odore della pelle e infiammazioni.
  • La pelle di un gatto anziano è più sottile e meno elastica, ha una circolazione sanguigna ridotta ed è più incline alle infezioni.
  • Le malattie dentali sono estremamente comuni nei gatti anziani e possono ostacolare l'alimentazione e causare un dolore significativo.

Come contribuire a mantenere in salute il mio gatto anziano?

L'osservazione ravvicinata è uno degli strumenti più importanti per mantenere in salute il gatto anziano. È possibile eseguire un mini-esame fisico su base settimanale. Chiedete al vostro veterinario di mostrarvi come farlo e cosa cercare. Sarà più facile se l'esame diventerà un'estensione del modo in cui interagite normalmente con il vostro gatto. Ad esempio, mentre strofinate la testa del gatto o gli grattate il mento, sollevate delicatamente le labbra superiori con il pollice o l'indice in modo da poter esaminare i denti e le gengive. Allo stesso modo, è possibile sollevare i lembi delle orecchie ed esaminare i canali auricolari. Mentre si accarezza il pelo del gatto, si può verificare la presenza di noduli o protuberanze anomale e valutare la salute della pelle e del mantello.

Spazzolatura quotidiana

La spazzolatura o la pettinatura quotidiana rimuove i peli sciolti, evitando che vengano inghiottiti e che si formino delle palle di pelo. La spazzolatura stimola inoltre la circolazione sanguigna e la secrezione delle ghiandole sebacee, rendendo la pelle e il mantello più sani. I gatti anziani potrebbero non usare i tiragraffi con la stessa frequenza di quando erano più giovani; pertanto, le unghie dovrebbero essere controllate settimanalmente e tagliate se necessario.

I gatti sono esperti nel nascondere le malattie e i gatti anziani non fanno eccezione. È comune che un gatto abbia un grave problema di salute, ma non ne mostri alcun segno fino a quando la condizione non è piuttosto avanzata. Poiché la maggior parte delle malattie può essere gestita con maggior successo se individuata e trattata precocemente, è importante per i proprietari di gatti anziani monitorare attentamente il loro comportamento e la loro salute.

Se non potete rispondere "sì" a tutte le seguenti affermazioni, chiamate il vostro veterinario il prima possibile.

Il mio gatto:

  • cammina senza rigidità, dolore o difficoltà
  • defeca senza difficoltà
  • ha orecchie pulite e prive di odore
  • ha la pelle non unta e non ha un odore offensivo
  • ha occhi luminosi, limpidi e privi di secrezioni
  • ha un appetito normale
  • ha un livello normale di sete e beve la quantità abituale di acqua (circa un grammo per chilo di peso corporeo al giorno, o meno)
  • ha movimenti intestinali di aspetto normale (formati e sodi, senza sangue o muco)
  • ha gengive rosa senza arrossamenti, gonfiori o sanguinamenti
  • ha un mantello folto, lucido e privo di macchie calve e tappeti; non presenta eccessivo spargimento di pelo
  • ha zampe che appaiono sane e artigli di lunghezza normale
  • non ha pulci, zecche, pidocchi e acari
  • non si stanca facilmente con un esercizio fisico moderato
  • non ha crisi epilettiche o episodi di svenimento
  • non ha subito variazioni di peso significative
  • non presenta gonfiori anomali e persistenti
  • non starnutisce e non ha secrezioni nasali
  • non ha sviluppato nuove tendenze comportamentali offensive (come aggressività o spruzzi di urina)
  • non ha piaghe che non guariscono
  • non presenta emorragie o perdite da qualsiasi apertura del corpo
  • non scuote la testa e non si gratta le orecchie
  • non si gratta, non si lecca e non mastica eccessivamente
  • non vomita spesso
  • non rigurgita cibo non digerito
  • non ha difficoltà a mangiare o a deglutire
  • respira normalmente senza sforzarsi o tossire.
  • si comporta normalmente; sembra attivo e di buon umore
  • sente normalmente e reagisce come al solito all'ambiente circostante
  • urina in quantità normale e con frequenza normale; il colore dell'urina è normale
  • urina senza difficoltà
  • utilizza sempre una lettiera pulita

Come può aiutarci il mio veterinario?

Così come le vostre osservazioni possono aiutare a individuare le malattie nelle fasi iniziali, anche le visite veterinarie regolari possono aiutare. Il veterinario può suggerire di valutare il gatto anziano sano più frequentemente rispetto a un gatto più giovane, ad esempio ogni sei mesi anziché una volta all'anno. Se il gatto è affetto da patologie, potrebbero essere necessarie valutazioni più frequenti.

Durante la visita del gatto, il veterinario raccoglierà un'anamnesi medica e comportamentale completa, eseguirà un esame fisico approfondito per valutare tutti gli organi, controllerà il peso e le condizioni corporee del gatto e li confronterà con le valutazioni precedenti. Almeno una volta all'anno verranno suggeriti alcuni esami, tra cui esami del sangue, esame delle feci e analisi delle urine. In questo modo è possibile individuare e trattare precocemente i disturbi e valutare le condizioni mediche in corso.

Entrambe le cose sono necessarie per mantenere il gatto anziano in ottima salute il più a lungo possibile.

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Commenti

Hai dubbi o domande? Vuoi condividerela tua opinione? Scrivici!

Ho letto la Privacy Policy e accetto l’invio di informazioni commerciali tramite email.

Ti potrebbero interessare

Guida alle lettiere per gatti

Se stai adottando per la prima volta un gatto, la tua prima tappa sarà quella di recarti in un negozio di animali per...

di Fabiana Valentini -

Perchè i gatti non amano acqua

I gatti sono noti per odiare l acqua. Fortunatamente, raramente è necessario fare il bagno a un gatto. Ma vi siete mai...

di Fabiana Valentini -