Il vostro cane soffre di allergie stagionali?

di Fabiana Valentini 505 visite

Tutti noi amiamo fare delle passeggiate con il nostro amato amico a quattro zampe. A volte, magari avrete nottato che al riento lui inizia a grattarsi, scuotere la testa o a leccarsi le zampe? Se è così è possibile che i problemi del vostro cane siano da ricondurre ad allergie stagionali.

I cani possono avere la febbre da fieno o le allergie stagionali?

Ci sono tre categorie generali in cui rientrano gli allergeni più comuni:

  • Alimentari: I cani possono essere allergici ad alcuni alimenti, tra cui glutine, soia, latticini e varie proteine
  • Ambientali. Si chiama 'atopia' Si tratta spesso delle stesse cose che fanno starnutire gli umani e che il cane inala, come pollini di piante, spore di muffa, acari della polvere e persino gatti!
  • Parassiti esterni. Secondo Mize, le pulci incontrollate possono rappresentare un grosso problema. Tuttavia, alcuni cani potrebbero anche essere eccessivamente sensibili alle zecche e agli acari delle orecchie.
Ti potrebbe interessare:
Perché il cane si lecca le zampe?

Le allergie "stagionali" nei cani sono un po' un termine improprio, in quanto alcuni animali domestici possono essere colpiti da irritanti ambientali per tutto l'anno. Ma, poiché le piante variano in base alla stagione e all'ambiente, la gravità dei sintomi è spesso di natura stagionale. Può manifestarsi o risolversi con un cambiamento di posizione geografica e talvolta si osserva maggiormente in determinate stagioni. Questa risposta allergica è nota come dermatite atopica canina o malattia cutanea atopica.

La maggior parte dei cani affetti da atopia inizia a mostrare i primi segni nella giovane età adulta, in genere tra 1-3 anni, ma questo varia a seconda del cane. Si ritiene che questa malattia sia ereditaria e quindi i cani di razza pura sono comunemente colpiti, anche se è importante notare che qualsiasi cane, compresi i meticci, può soffrire di atopia cutanea.

Razze come vari tipi di retriever, terrier (in particolare West Highland Terrier) e bulldog sono più inclini agli allergeni ambientali.

Sintomi delle allergie stagionali del cane

Sebbene il meccanismo alla base delle allergie possa essere lo stesso, i sintomi delle allergie nei cani differiscono da quelli degli esseri umani. Noi abbiamo comunemente sintomi legati al sistema respiratorio, come naso che cola, prurito, occhi che lacrimano, starnuti, tosse o asma. I cani, invece, raramente presentano segni respiratori.

Invece, i sintomi delle allergie stagionali del cane si manifestano spesso intorno alle orecchie, alle ascelle, alle zampe anteriori e alle zampe. Si possono notare segni di dermatite atopica quali:

  • Condizioni cutanee e infezioni dell'orecchio ricorrenti o croniche
  • Eruzioni cutanee
  • Grattarsi o leccarsi eccessivamente in corrispondenza dei punti caldi
  • Pelle arrossata o secca
  • Perdita di capelli
  • Scuotimento prolungato della testa o sfregamento delle orecchie
  • Starnuti occasionali

Ecco una curiosità: i cani non sono allergici all'edera velenosa, alla quercia velenosa o al sommacco velenoso, ma possono essere molto colpiti dalla linfa oleosa di queste piante, l'urushiol. Un incontro spiacevole potrebbe presentare sintomi simili a quelli di un'allergia, o anche più gravi.

Trattamenti e rimedi casalinghi per le allergie stagionali del cane

Se il vostro cane è aggiornato con la profilassi antipulci e antizecche per tutto l'anno, non ha manifestato reazioni avverse al cibo e state leggendo tutto questo pensando: "Macchia aveva un prurito terribile l'ultima volta che siamo tornati da un'escursione", potrebbe essere il momento di un controllo professionale.

Il veterinario somministrerà alcuni test diagnostici, come i test cutanei intradermici, per determinare gli allergeni a cui il cane è sensibile, quindi forse utilizzerà una serie di iniezioni personalizzate prescritte in base ai risultati, con la speranza di desensibilizzare il cane a questi allergeni nel tempo.

Sfortunatamente, questa non è una cura per le allergie stagionali del cane, e ogni umano che ne soffre allo stesso modo sa che nessun farmaco le elimina definitivamente. La cura della dermatite atopica farà parte del piano di gestione della salute a lungo termine del vostro cucciolo.

Il successo di questo trattamento è molto variabile, ma il 50-80% dei cani atopici può trovare un sollievo almeno parziale grazie al trattamento immunoterapico mirato agli allergeni. Il sistema immunitario e le allergie sono piuttosto complessi, quindi è meglio trovare un veterinario di fiducia che aiuti voi e il vostro animale a superare la tempesta delle allergie. Inoltre, molti animali domestici traggono beneficio dal trattamento con uno specialista in dermatologia veterinaria.

Il miglior rimedio casalingo per alleviare il disagio e mantenere una barriera cutanea sana è fare il bagno al cane con uno shampoo delicato approvato dal veterinario. Ce ne sono alcuni in commercio che non tolgono gli oli naturali (il che provoca maggiore secchezza della pelle e prurito!) e spesso contengono integratori di acidi grassi Omega-3 per un pelo sano. Mize consiglia di chiedere al veterinario di consigliarvi i prodotti, sia per la salute del vostro cane sia per ottenere il massimo valore in termini di denaro. Ci sono molti prodotti fantasiosi che possono non solo essere inefficaci, ma anche peggiorare le condizioni del cane, quindi fate attenzione!.

Come aiutare i cani con allergie stagionali

Come noi, i cani atopici possono reagire a numerose cose. Ad esempio, se avete sentito parlare di febbre da fieno nei cani, si tratta tecnicamente di un'allergia al polline, o rinite allergica stagionale. Si tratta in realtà di una risposta a vari tipi di grani di polline sottili rilasciati da alberi, erbe e piante infestanti per fertilizzare all'interno della loro specie.

Ricordate che anche gli allergeni ambientali come gli acari della polvere e le spore della muffa (e forse anche il gatto!) possono causare una reazione allergica al cane. Quindi, dopo aver effettuato il test allergologico, il veterinario fornirà ulteriori consigli per ridurre al minimo gli effetti del loro specifico irritante, come ad esempio:

  • Evitare le aree con vegetazione varia.
  • Investite in un purificatore d'aria di qualità.
  • Non tenete il vostro animale domestico in un garage o in una cantina umidi.
  • Non trascorrere molto tempo all'aperto quando il numero di pollini è elevato.
  • Passate spesso l'aspirapolvere e usate detergenti umidi sui pavimenti in legno duro.
  • Pulire la biancheria da letto una volta alla settimana con acqua calda.
  • Pulire le zampe e il pelo dopo essere stati all'aperto con panni puliti e bagnati.
  • Tagliate il prato più corto.
  • Utilizzate un deumidificatore per ridurre l'umidità.
Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Commenti

Hai dubbi o domande? Vuoi condividerela tua opinione? Scrivici!

Ho letto la Privacy Policy e accetto l’invio di informazioni commerciali tramite email.

Ti potrebbero interessare