Tutto sul Pastore dello Shetland

di Fabiana Valentini 1635 visite

Scambiato, spesso e volentieri, per un Collie in miniatura, lo Shetland è una razza a tutti gli effetti che porta con sé la lunga tradizione dei cani da pastore. Ne parliamo con Silvia Pisano che alleva Shetland da anni con l’affisso Spirit’s Dog.

Il Pastore dello Shetland è ancora una razza poco conosciuta: invece per il suo coraggio, per la sua vivacità e per la sua resistenza può essere un ottimo compagno. Molto simile al Collie Rough, tanto da essere addirittura scambiato per una sua miniatura, lo Shetland è invece una razza a tutti gli effetti benchè abbia senza dubbio antenati in comune con il Collie e un tempo fosse noto soltanto come “Collie nano”.

Nonostante le piccole dimensioni e la raffinata bellezza, questa razza ha un posto di rilievo tra i cani da lavoro. Gli Shetland, infatti, protetti dal loro spesso mantello, erano adibiti alla conduzione delle piccole pecore nelle aspre terre scozzesi. La loro piccola statura non si traduceva affatto in un handicap poiché tutti gli animali che popolano le isole Shetland – la terra di nascita del Pastore dello Shetland, appunto - sembrano essere più piccoli del normale, ma associano alla loro piccolezza una robustezza incredibile e la capacità di resistere senza paura a intemperie e avverse condizioni atmosferiche.

Il carattere del Pastore dello Shetland

Il piccolo Pastore dello Shetland è anche un ottimo cane da compagnia, a patto che gli si garantisca attività fisica e passeggiate quotidiane. E’ inoltre un eccellente cane da guardia, in virtù del suo temperamento un po’ diffidente verso gli estranei che lo porta, spesso, ad abbaiare con insistenza alla vista di ciò che non lo convince appieno.

Il suo lungo mantello – come nel caso del cugino Collie - ha bisogno di qualche attenzione soprattutto se si considera che sotto il ruvido pelo esterno è nascosto un morbido e folto sottopelo. Una buona ed energica spazzolata, quindi, è di rigore almeno due o tre volte la settimana. Non trattatelo, infine, come un cagnolino da grembo. Nonostante la sua piccole mole, infatti, lo Shetland è un cane coraggioso e a volte un po’ testardo. Un’educazione ferma fin da cucciolo ne farà un compagno delizioso e perfetto anche per la nostra vita cittadina.

Pro e contro del Pastore dello Shetland

Lo Shetland è un cane poco conosciuto, ma dalle indubbie qualità: Può contare su un pubblico di appassionati che ne apprezza le intrinseche qualità di bellezza e rusticità. Per chi ama il Collie, per esempio, ma non può permetterselo, il piccolo Pastore dello Shetland è l’ideale. E’ maneggevole, può stare benissimo in appartamento, non impegna dal punto di vista della cura del mantello e ha bisogno di minor moto del suo “cugino” Collie. Inoltre lo Shetland è perfetto come compagno di bimbi e anziani, non è nevrile, ha un ottimo carattere e, nonostante le sue dimensioni, è un perfetto “protettore” di casa e persone.

E per quel che riguarda le malattie? Lo Shetland può avere problemi agli occhi. Va controllato pertanto per quel che riguarda le oculopatie ereditarie prima delle 8 settimane di vita e dopo l’anno di età. Le fattrici e gli stalloni vengono controllati generalmente in tal senso ogni 2 anni. Unico inconveniente di questa piccola razza? Lo Shetland ha cucciolate molte esigue di solito di 2 o, massimo, 3 cuccioli.

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini

Fabiana Valentini è un'attrice che ha sempre avuto un debole per i gatti. Oltre alla sua carriera nel mondo del teatro, Fabiana è anche una volontaria attiva che gestisce un gattile e dedica gran parte del suo tempo libero a prendersi cura dei felini bisognosi.

Commenti

Hai dubbi o domande? Vuoi condividerela tua opinione? Scrivici!

Ho letto la Privacy Policy e accetto l’invio di informazioni commerciali tramite email.

Ti potrebbero interessare