[Dognet.it - ®2001.2004] - Il portale dalla parte del cane
   Martedi, 25 Febbraio 2020
Per saperne di più

L'igiene del Bolognese

Il mantenimento e la toelettatura del Bolognese comporta poco, ma costante impegno. Ecco i consigli dell’esperta...

     

     Un Bolognese a tre mesi

Il Bolognese va pettinato tre o quattro volte alla settimana con un pettine a denti larghi, asportando il pelo morto (che comunque non perderebbe in casa, ma rimarrebbe attaccato alla cute).
I suoi occhi profondi ed espressivi vanno puliti con prodotti specifici a base di camomilla facilmente reperibili in commercio, e le orecchie
vanno tenute libere dai lunghi peletti che si formano nei condotti auricolari ( come del resto per tutti gli altri cani a pelo lungo) onde evitare accumuli di cerume che provocherebbe fastidiosissime otiti.
E’ importante notare che il Bolognese è un cane molto intelligente e pulito, non perde pelo e la sua pelle non puzza.

COME PREPARARE IL BAGNO

Ecco i passi salienti da compiere per un bagnetto:

1) dopo aver ben pettinato il mantello, bagnare il cane con acqua tiepida cospargerlo di shampoo (specifico per manti bianchi) diluito con acqua (esistono in commercio una grande varietà di questi prodotti sbiancanti, ma è buona norma alternare quest’ultimi con un buon shampoo nutritivo soprattutto se i lavaggi sono frequenti) e risciacquare

2) cospargere il pelo con una piccola quantità di balsamo e attendere dai 4ai 5 minuti e risciacquare nuovamente

3) tamponare con un asciugamano senza frizionare

4) asciugare a phon cominciando dalla testa, avendo cura di sollevare i bioccoli di pelo solo con le dita e non con l’ausilio di pettini o spazzole

5) tagliare i peli che crescono tra i polpastrelli

6) controllare che nelle orecchie non vi sia entrata acqua

Mensilmente vanno controllate le unghie che all’occorrenza vanno tagliate con l’apposito tronchesino: tale operazione deve essere fatta solo ed esclusivamente da mani più che esperte, altrimenti è meglio affidarsi al veterinario o un tolettatore di fiducia.
Anche i denti vanno controllati e spazzolati con uno spazzolino, all’occorrenza una volta all’anno in caso di accumuli di tartaro il nostro piccolo amico dovra’ essere controllato dal veterinario che se riterrà opportuno gli farà una buona pulizia.
Si osserva spesso che tali accumuli sono più frequenti nei cani che hanno un’alimentazione umida. Nel caso di una dieta con mangimi secchi gli accumuli di tartaro sono meno frequenti.Esistono in commercio biscotti e bastoncini che il nostro amico rosicchia volentieri. Sono perfettu per pulirsi i dentini senza l’aiuto del proprietario.
Per maggiori informazioni: Angela Ferrullo Allevamento Contrada del Fiorano - Lacchiarella - Milano - tel.02 9008984.

Autore: Angela Ferrullo

 

Invia questa pagina ad un amico
All rights reserved 2006 DogNet.it Privacy Policy