[Dognet.it - ®2001.2004] - Il portale dalla parte del cane
   Mercoledi, 12 Dicembre 2018
Vita pratica

Legambiente: 5° rapporto nazionale

E’ stato presentato a Roma il 5° Rapporto Nazionale di Legambiente “Animali in Città".

     


E’ stato presentato a Roma il 5° Rapporto Nazionale di Legambiente “Animali in Città” (lo trovate qui: Visita il sito di Legambiente) che conferma la positiva collaborazione fra vari soggetti istituzionali nell’ambito del benessere e della salute dei nostri amici a quattro zampe. Insieme, infatti, Enci (Ente Nazionale Cinofilia Italiana), FNOVI (Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani), ANMVI (Associazione Nazionale Medici veterinari Italiani), ANCI e Legambiente hanno voluto definire e tracciare una serie di linee guida proprio per quel che riguarda la condizione degli animali in città. Spiega Nino Morabito, Responsabile Fauna e Benessere Animale di Legambiente: “ Il Rapporto Nazionale ormai arrivato alla quinta edizione diventa un appuntamento insostituibile per monitorare la condizione del mondo pet nella nostra realtà metropolitana.” Gli fa eco Rossella Muroni, che di Legambiente è il Presidente: “Animali in città di Legambiente è il rapporto che raccoglie ed elabora i dati forniti dalle amministrazioni comunali capoluogo di provincia e dalle aziende sanitarie locali rispetto alle politiche relative agli animali d’affezione e, in generale, per la migliore convivenza in città con animali padronali e selvatici.” Un quadro che la stessa Muroni delinea come “non propriamente luminoso”, aggiungendo: “Oggi il complesso sistema istituzionale, basato su Comuni e Regioni (per tramite delle Aziende sanitarie), non è riuscito a superare una gestione prigioniera del canile rifugio, per i cani, e del mancato censimento per i gatti nelle colonie feline cittadine. Le conseguenze per la qualità di vita dei nostri amici sono pesanti e i costi pubblici importanti (peraltro non risolutivi dei problemi) sono sotto gli occhi di tutti. Il tutto, però, riaffermando la volontà specifica di Legambiente nell’impegno costante a perseguire un ideale di benessere anche e soprattutto in ambito animale. Molte le cose da fare. La principale e più importante si può realizzare con l’istituzione di un tavolo nazionale permanente sugli “ Animali d’affezione”, coinvolgendo l’Anci (Associazione nazionale comuni italiani), le Regioni e il Governo. Spiega Morabito: “Il tutto prevede che ci si riunisca almeno due volte all’anno con rendiconti annuali sulle azioni decise, sui risultati attesi e su quelli raggiunti". Per maggiori informazioni: LifeGate























Autore: dognet

 

Invia questa pagina ad un amico
All rights reserved 2006 DogNet.it Privacy Policy