[Dognet.it - ®2001.2004] - Il portale dalla parte del cane
   Mercoledi, 12 Dicembre 2018
Benessere

La stimolazione elettrica in fisioterapia

E' una disciplina nuova per la nostra veterinaria, ma che promette di dare risultati eccezionali. Cerchiamo di saperne di più con l'aiuto degli esperti del Centro Benessere e Salute del Cane di Salice Terme.

     

     Un cane sano e sportivo può andare incontro a

Grazie alle conoscenze attuali riguardo le moderne tecniche di stimolazione elettrica neuromuscolare si possono trattare una grande varietà di malattie che affliggono il nostro cane, intervenendo anche e soprattutto sulla qualità di vita del paziente. Il tutto vale sia che si tratti di patologie neurologiche (lesioni di nervi periferici, esiti di lesioni del S.N.C. come ad esempio le emiplegie) che di altre branche specialistiche (traumi da sport ecc.).

UNA BRANCA IMPORTANTE
Questa branca importantissima della medicina trova applicazione soprattutto in ambito ortopedico-sportivo (recupero dopo trauma, post-intervento, ipotrofie muscolari).
Le indicazioni alla stimolazione elettrica sono in sintesi:
1 - Prevenzione dell'atrofia muscolare dovuta a non uso
2 - Rieducazione muscolare
3 - Immediata stimolazione post-chirurgica dei muscoli
4- Mantenere e aumentare il range di movimento
5 - Rilasciamento dei muscoli spastici
6 - Aumento della circolazione sanguigna locale

Gli scopi previsti per l'utilizzo della stimolazione elettrica sono invece:
1 - Controllo e riduzione della spasticità
2 - Rilascio transdermico di medicamenti (ionoforesi)
3 - Riduzione dell'impossibilità di movimento causato da problemi neuromuscolari
4 - Fornire una contrazione muscolare attiva con i risultanti movimenti articolari, permettendo il feedback propriocettivo
5 - Riduzione del dolore

Le controindicazioni per gli animali sono limitate:
1 - La gravidanza
2 - L'applicazione su tessuti cancerosi maligni
3 - L'applicazione su lesioni o irritazioni
4 - Applicazione su paziente che reagisce in modo negativo alla terapia
5 - L'applicazione su graffe chirurgiche.

GLI ELETTRODI: PER SAPERNE DI PIU'....
Per ottenere il miglior effetto terapeutico il posizionamento degli elettrodi riveste grande importanza; è necessario avere un buon contatto con la pelle e siqui iniziano le prime difficoltà per chi, come noi, applica questa terapia sull'animale.
L'uso di un gel conduttore è necessario, ma quasi sempre si rende basilare anche la rasatura del pelo del cane nella zona di applicazione degli elettrodi. Solo nei soggetti dal pelo raso si può tentare l'applicazione senza rasatura.
Gli elettrodi devono essere collocati dallo stesso lato del corpo onde evitare il passaggio di corrente attraverso i genitali e il torace.
Gli elettrodi, in sostanza, costituiscono una parte molto importante dell'apparecchio di elettrostimolazione in quanto rendono fruibile la corrente generata dall'apparecchio.

LE CORRENTI UTILIZZATE
1 - CORRENTE FARADICA è usata per i muscoli innervati e viene applicata sul punto motore del muscolo.
2 - CORRENTE GALVANICA viene effettuata con impulsi monofasici di lunga durata che stimolano la membrana della cellula muscolare producendo la contrazione del muscolo.
3 - CORRENTI RETTANGOLARE E TRIANGOLARE vengono prodotte interrompendo la corrente continua.
Le correnti E.M.S.(Electrical Muscle Stimulation) costituiscono un mezzo di elezione nel recupero delle funzioni muscolari compromesse in seguito a lesioni traumatiche, con uno schema di riabilitazione articolato dall'atrofia muscolare al recupero della forza e della mobilizzazione.
LA IONOFORESI è una tecnica indolore che permette di veicolare il medicamento direttamente nel punto desiderato, penetrando la pelle e il sottocute, evitando effetti collaterali e interazioni farmacologiche.
Questo tipo di terapia è indicato per il trattamento degli stati infiammatori dell'apparato muscolo-scheletrico.
LA STIMOLAZIONE ELETTRICA TRANSCUTANEA (TENS) costituisce un trattamento specifico del dolore contribuendo ad annullare o ridurre l'assunzione di farmaci.
Questo trattamento esercita una potente azione antalgica bloccando la trasmissione dello stimolo doloroso e favorendo la produzione di endorfina che genera un'azione antidolorifica di lunga durata.
LE MICROCORRENTI (M.C.R.) costituiscono la più innovativa e avanzata forma di elettrostimolazione, grazie alla bassa intensità di corrente possiedono una spiccata affinità fisiologica con le correnti che regolano l'attività ed il metabolismo cellulare.
Numerose ricerche hanno dimostrato che le M.C.R. vanno a stimolare selettivamente la membrana e le micro-strutture cellulari aumentando la produzione di energia e promuovendo la sintesi delle proteine, rinforzando le capacità rigenerative naturali, rendendo più rapida la guarigione dopo traumi dell'apparato muscolo-scheletrico e nelle patologie infiammatorie e degenerative.
La stimolazione favorisce la eliminazione di acido lattico che è causa di affaticamento e indolenzimento muscolare.
Come già anticipato, per il cane si rende necessaria la rasatura del pelo solo nelle zone interessate e sulle quali verranno appoggiati gli elettrodi. Sii tratta perciò di zone di dimensioni abbastanza ridotte 4/5 centimetri.
Occorre anche tenere presente che non tutti gli animali sono disposti a tollerare il trattamento che può a volte risultare abbastanza fastidioso.

IL CASO:

Paziente cane Pastore Tedesco di anni 13, maschio
Affetto da cauda equina, il medico veterinario decide di non
intervenire chirurgicamente.

Prima valutazione: si riscontra una grave atrofia muscolare del posteriore, il
paziente cade molto spesso e non riesce a rialzarsi autono
mamente.
Non riesce a salire né scendere le scale, quasi nulla la sensi-
bilità superficiale.
Il cane risulta essere molto triste e svogliato, non vuole usci-
re per le passeggiate ridotte ormai all'espletamento dei biso-
gni fisiologici.

Obiettivo: Tonificazione muscolare e ripristino della sensibilità superfi-
ciale, cercare di ripristinare la stabilità di movimento e la
forza muscolare al fine di rendere il paziente autosufficiente.

Terapia iniziale: Magnetoterapia per ripristino tessuto neurologico offeso.
Elettrostimolazione per potenziamento muscoli flessori ed
estensori degli arti posteriori.
P.R.O.M. (Passive Range of Motion)

Terapia successiva: Elettrostimolazione per potenziamento muscolare arti post.
R.O.M.(Range of Motion)
Idroterapia
Magnetoterapia.

Terapia conclusiva: Elettrostimolazione
Idroterapia

Obiettivo raggiunto: ripristino della sensibilità, potenziamento muscolare con
aumento della circonferenza degli arti post. di 2 centime-
tri.
Sale autonomamente le scale e durante la deambulazione,
se cade, riesce ad alzarsi spontaneamente.
Ha migliorato il carattere, passeggia volentieri e ha ripreso
a giocare con la palla.

Per maggiori informazioni:
Mariagrazia Balestra
CENTRO SALUTE E BENESSERE DEL CANE
S.P. Bressana-Salice Terme, 22
27050 Retorbido (PV)
TEL. 0383 374590 - 0383 92932 - 335 6388112
www.centrosalutebenesseredelcane.it


Autore: Centro Salute e Benessere del Cane

 

Invia questa pagina ad un amico
All rights reserved 2006 DogNet.it Privacy Policy